Quanto vi allenate in media al giorno?

Rispondi
Tubbadù
Messaggi: 661
Iscritto il: 28/04/2017, 17:37
Località: Torino, Mirafiori sud

03/06/2017, 19:52

Ciao Klan 🖖
Quanto e quando vi allenate e da quanto fate magia?
Ale

MarcoLostSomething
Moderatore
Messaggi: 1106
Iscritto il: 29/04/2016, 10:50

03/06/2017, 21:19

eh forse mi alleno troppo... spero che all'esame il professore valuti anche il mio second deal o sono finito

ste.scoz
Messaggi: 191
Iscritto il: 23/01/2017, 17:45

03/06/2017, 23:44

MarcoLostSomething ha scritto:
03/06/2017, 21:19
eh forse mi alleno troppo... spero che all'esame il professore valuti anche il mio second deal o sono finito
Beh dipende cosa gli servi con quel second hahaha
Nulla è impossile è solo questione di applicazione, metodo e pratica. Questo è il messaggio che la magia trasmette :)

sness1
MK Champion
Messaggi: 610
Iscritto il: 01/05/2016, 19:51
Località: Bergamo

04/06/2017, 9:54

ahah, anche io per 2 settimane dovrò ridurre drasticamente il tempo per la magia :cry:
"Magia-Amor-Libertad-Humor-Magia y el resto es nada". Juan Tamariz

Jack franzo
Moderatore
Messaggi: 1065
Iscritto il: 14/01/2016, 23:15
Località: Torino

04/06/2017, 12:27

Ciao :D
Ora che sono in vacanza e magari alla sera sono tranquillo ci passo anche ore con le carte in mano..Però la cosa fondamentale è allenarsi quando si ha voglia e mai forzare troppo un allenamento, se no ha effetto contrario.
Jack
" un giorno senza un sorriso è un giorno perso " (Charlie Chaplin)

Salvi83
Messaggi: 402
Iscritto il: 16/01/2017, 16:52

04/06/2017, 15:39

Meno di quello che vorrei...
-Francesco-

Avatar utente
Sardosono
Messaggi: 205
Iscritto il: 18/03/2017, 0:28
Località: Cagliari
Contatta:

05/06/2017, 15:30

Prima di leggere quanto segue, un avvertimento importante: NON prendetemi ad esempio!

Avendo abbandonato per tanti anni, è chiaro che dovrei ricominciare ad allenarmi tanto. Anche se in parte è come andare in bicicletta e la "memoria tattile" ci viene in soccorso, per cui non dobbiamo davvero imparare daccapo, rimane il fatto che acquisire nuovamente la piena padronanza richiede tempo ed impegno.

Di tempo da dedicare all'esercizio ne ho poco (e di voglia "mentale" forse anche meno), ma nel mio caso si aggiunge anche un altro impedimento. Infatti, a causa di un problema alla cervicale, ha avuto una riduzione significativa delle funzionalità della mano sinistra, sia come forza muscolare sia come indipendenza della mobilità laterale delle dita, tanto che da parecchi anni ho dovuto abbandonare del tutto la chitarra, non essendo più in grado neanche di strimpellarla (per esempio, anche solo fare un barrè è adesso per me del tutto impossibile, pura fantascienza).

Penso sia evidente come questa riduzione funzionale della mano sinistra comporti serie ripercussioni anche nella manipolazione delle carte. Vi faccio alcuni esempi, assolutamente non esaustivi, ma giusto per capire le dimensioni del problema. Il semplice cercare di fare una conta col mignolo nel mio caso è un'impresa deprimente (per usare un eufemismo) ed intestardirmi in questo vorrebbe dire andarmi a cercare guai nell'esecuzione in pubblico. Un comunissimo ventaglio a pressione è per me del tutto impossibile, perché le carte mi salterebbero immediatamente via dalla mano sinistra, mentre tentare di farlo nella destra è addirittura ridicolo, dato che la sinistra non è in grado di esercitare la benché minima pressione. Eseguire un banale charlier è diventato quasi un equilibrismo ed il rischio che le carte mi cadano miseramente di mano è concreto ed elevato. Un impalmaggio con la sinistra?! Ma neanche piangendo in arabo! Un pass?!... Sì, va' beh, stendiamo un velo pietoso, va', che è meglio. Potrei continuare, ma credo che basti.

EPPURE NON E' UN PROBLEMA! :shock:

Nel senso che è un problema, certamente, ma di fatto non più di tanto, almeno per quanto riguarda la prestigiazione con le carte (se avessi lavorato con le monete probabilmente sarebbe stato assai più grave, penso, ma non sono sicuro neanche di questo). Intendo dire che, non ostante tutto, riesco comunque ad eseguire la quasi totalità del mio repertorio, perché la gran parte di ogni repertorio può essere eseguita (o quantomeno replicata) ricorrendo a poche tecniche fondamentali e basta.

Tutto il resto è certamente comodo, ma raramente è indispensabile. La conta con il mignolo - visto che l'abbiamo citata - è sicuramente utile, anzi utilissima (e chi lo nega!), ma ci sono altri modi per ottenere gli stessi risultati. Ovviamente vi sono situazioni nelle quali certe tecniche sono indispensabili, ossia non sostituibili con altre, anche questo è innegabile, ed in tali casi... beh, e allora?! che vi devo dire?! pazienza, punto! Ma sono comunque una minoranza di casi. Insomma, per farla breve, si vive benissimo anche facendo a meno di tante cose, che "ci sembrano" indispensabili ma che di fatto non lo sono; come il pass, giusto per fare un esempio, senza il quale possiamo continuare a presentare più che degnamente la nostra versione della carta ambiziosa, ve lo garantisco.

Morale della favola, il mio pensiero - sicuramente figlio anche, ma non solo, della mia particolare situazione - è il seguente: conviene concentrarsi prevalentemente (se non addirittura esclusivamente) sulle sole tecniche fondamentali, con l'obiettivo chiaro e semplice di raggiungere la massima dimestichezza con queste prima di ogni altra cosa. Solo successivamente varrà la pena di dedicare tempo ad aggiungere al nostro bagaglio ulteriori tecniche, certamente utili, nessuno lo nega, ma non indispensabili.

Per riallacciarmi in conclusione con l'argomento primario del topic, circa il tempo di esercizio quotidiano, ritengo che si debba fare un chiaro distinguo.

Se parliamo di "mantenersi in esercizio", allora io direi che di tempo DI MANTENIMENTO non ne serve poi tanto e secondo me con un quarto d'ora al giorno ce n'è più che d'avanzo, venti minuti a voler proprio esagerare, mentre andare oltre comincia a diventare necessario solo per il professionista. Sia ben chiaro, però, e lo ripeto a scanso di equivoci, che stiamo parlando di mantenersi in esercizio.

Se invece si tratta di imparare da zero, allora è tutto un altro paio di maniche e domandarsi quanto tempo sia necessario forse non ha neanche senso perché è del tutto soggettivo (ed in ogni caso io non saprei proprio valutarlo). Ma tutto il discorso che ho fatto all'inizio vuole mettere in evidenza che prima di pensare a QUANTO tempo dedichiamo ad imparare, forse è molto meglio selezionare con criterio a COSA dedicare il tempo che abbiamo a disposizione, molto o poco che sia. Ecco, tutto lo sproloquio che ho fatto voleva approdare esattamente a questo. ;)

Che faccio, lo dico o non lo dico?!...
Ma sì, lo dico, altrimenti quasi non sarei più io: tutto rigorosamente IMO! :lol:
Antonello

The real secret to magic lies in the performance - David Copperfield

K
Boss
Messaggi: 3731
Iscritto il: 02/09/2013, 16:09

05/06/2017, 19:39

Off-Topic :
Sardosono ha scritto:
05/06/2017, 15:30
La conta con il mignolo - visto che l'abbiamo citata - è sicuramente utile, anzi utilissima (e chi lo nega!)
In realtà poi la usano in pochi, soprattutto se non per una DP.
C'è differenza tra usare la Magia a favore di YouTube e usare YouTube a favore della Magia.

ANYCARD by K52

Damianflag
Messaggi: 69
Iscritto il: 07/03/2017, 19:47

05/06/2017, 20:29

Ma guarda, io di tempo ne ho,ma per la mia pigrizia nel prendere le carte , il tappetino ,mettermi sulla scrivania e cominciare ad allenarmi non lo faccio :?piuttosto giro sul tubo (cosa alquanto nociva per salute!)naturalmente non guardando tutorial!(Al massimo quelli di k52).
E quando mi metto , lo faccio di sera tardi poco prima che i miei genitori mi dicano di togliere la baracca e di andare a dormire :cry: !
Vabbe' che ci devo fare!Vale a dire che mi metterò di buona volontà e comincierò ad allenarmi! :D
"Non tutti possono essere una star,ma tutti possono fare del loro meglio e progredire costantemente."
Henk Vermeyden

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite