Tempi di studio

dani magic
Messaggi: 285
Iscritto il: 10/01/2017, 17:51

13/11/2017, 14:33

MarcoLostSomething ha scritto:
13/11/2017, 14:15
S.W.Erdnase ha scritto:
13/11/2017, 12:52
Il punto però é un altro,ogni libro può essere affrontato in più modi,studiando pagina per pagina oppure leggendolo sommariamente,vanno bene entrambi i modi.
Ciò che é importante é valutare qual é l'obiettivo che ci siamo prefissati. Voglio imparare dei giochi per divertire amici e famiglia oppure punto a qualcosa di più?
Voglio diventare un Artista oppure mi basta conoscere qualche gioco?
Quoto.
Aggiungerei che oltre agli obbiettivi e' anche questione di premesse: dal momento che inizio un cammino magico, cosa sono disposto a fare?
Chiaramente ogni cosa e' soggetta a variazione, ma non esistono modi "sbagliati": solo strade diverse, che porteranno (in generale) a risultati diversi.
Quoto in toto ma secondo me esistono strade e modi sbagliate. Come si diceva prima ragazzi che si divorano materiale per anni e anni in pochi mesi senza fare una doppia presa senz'altro hanno qualcosa che non va. È un metodo di approccio sbagliato. Poi come dici tu, molto dipende anche da cosa vuoi fare, se è un semplice hobby c'è un approccio se mentre lo si vuole fare in maniera professionale esiste un altro approccio; però in tutti i tipi di approccio c'è il metodo giusto per studiare e fare magia. Anche il ragazzo che vuole imparare a fare solo il color change senz'altro lo possono fare nel rispetto della magia e con metodo.
"Creare e comprendere un effetto magico è una scienza. Eseguirlo è un'arte" (Roberto Giobbi)
Canale YouTube: https://m.youtube.com/channel/UCKXTZz6OpwsZgYqWQgvoxsw

Avatar utente
The Matt
Moderatore
Messaggi: 1201
Iscritto il: 25/12/2014, 18:22
Località: Svizzera

13/11/2017, 15:00

Mh, credo che qui stiamo confondendo due cose che sono correlate ma stanno su piani diversi. Se uno vuole leggere tanti testi, anche avanzati, per il puro piacere di leggerli, è un suo diritto e non penso che si possa parlare di "strada sbagliata". Il problema sorge quando una persona è convinta di conoscere il testo dopo una prima lettura superficiale, solo perché conosce il "metodo" in maniera teorica. C'è chi conosce il CC1 a menadito e ci ha messo due anni a impararlo ed esercitarlo: io al CC1 non ho mai dedicato un anno della mia vita, in compenso l'ho fatto per altri libri.

Come avete detto tutti, ci sono approcci diversi che dipendono anche da cosa si vuole fare: l'esecutore, l'artista, il teorico, sono tutte formazioni diverse che richiedono approcci diversi; detto questo, credo che si possa dire senza remore che nessuno dopo 3 mesi è pronto ad affrontare Mnemonica (per citare quello che più viene richiesto) né ha le capacità per cominciare a lavorare sul Roth.
"Last night I shot an elephant in my pajamas, and how he got in my pajamas I'll never know" - Groucho Marx

Tubbadù
Messaggi: 610
Iscritto il: 28/04/2017, 17:37
Località: Torino, Mirafiori sud

13/11/2017, 18:24

Koem ha scritto:
13/11/2017, 14:28
Anche tu fermo agli impalmaggi? :lol:
Si :lol: :lol: :lol: sto dannato impalmaggio multiplo :evil:
Ale

Venice illusion
Messaggi: 178
Iscritto il: 07/01/2015, 21:01

13/11/2017, 23:54

Do anche il mio minuscolo contributo. Personalmente condivido tutto quello che è stato detto, i frutti si raccolgono solo con sudore, impegno e talvolta anche frustrazione per qualcosa che non ci riesce. Però ne vale davvero la pena di dedicare anima e corpo a quest'arte, perché ti dona infinite soddisfazioni in cambio di due semplici cose: amore e impegno. La stessa cosa vale per i libri: se letti con amore, interesse e impegno, i frutti si raccolgono e le soddisfazioni sono davvero tante. I miei libri sono come dei piccoli oggetti preziosi che tratto con cura, che rappresentano tutto ciò che so riguardo alla magia. Ogni libro che leggo diventa un pezzo della mia cultura. Ecco, proprio questo principio credo sia la spinta a studiare a fondo i libri e non solo a leggerli per il gusto di farlo. Siate curiosi e innamorati della prestigiazione

Simo
Messaggi: 236
Iscritto il: 06/08/2016, 12:39

14/11/2017, 19:00

Condivido assolutamente, soprattutto perchè anche io ho fatto questo errore e grazie al klan ho capito lo sbaglio e sono nettamente migliorato e mi sono innamorato ancora di piú di questa meravigliosa arte
"Le carte sono come degli esseri viventi, palpitanti e dovrebbero essere trattati come tali."
Dai Vernon

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti