Finalmente il Pass

Rispondi
Avatar utente
Koem
Messaggi: 187
Iscritto il: 05/09/2016, 12:56

18/04/2018, 20:28

Salve Ragazzi, so che questo sarà il millesimo post sul pass però non sapevo dove scrivere perché la maggior parte erano inerenti al giudizio del proprio pass attraverso un video oppure altri mi sembravano troppo vecchi. Spero che mi perdoniate se anche io mi aggiungo all'esercito dei pass.
Comunque tornando al dubbio. È da poco che sto studiando il pass e non ho ben capito l'utilità della copertura (nello specifico sto "studiando" il riffle pass), mi spiego meglio.

Mettendo l'ipotesi che io abbia così perfezionato il pass da renderlo super-veloce la copertura servirebbe? Oppure in tutti i casi la copertura è necessaria? Perché sinceramente non ho ben capito se il pass si esegue anche senza copertura oppure quest' ultima è necessaria rendendo il tutto (pass + copertura) una sola cosa.
Grazie mille per le eventuali risposte :D
Coloro che sognano di giorno sanno più cose di chi sogna solo di notte

Sergio Michelotto
Messaggi: 174
Iscritto il: 25/08/2017, 14:42
Località: Padova

18/04/2018, 22:59

Ciao, come dice il nome il classic pass è appunto il salto classico ovvero la prima forma di questo tipo di tecnica. Naturalmente nel corso del tempo si sono inventate nuove mosse per migliorare la meccanica del salto e da qui nascono i vari riffle pass spread pass hermann pass bluff pass ecc ecc...la copertura dl salto classico è praticamente tutta misdirection certo la velocità di esecuzione è importante ma essendo una tecnica non invisibile la vera copertura sta nell inserire la mossa all interno di un momento di transito giustificato da un passaggio di misdirection...ecco che poi come dicevo prima escono versioni nuove pensate con coperture vere e proprie come ad esempio il riffle pass o lo spread pass ma sta a te capire quale versione sia la migliore da eseguire nel contesto della tua presentazione..buono studio
Pratica, pratica e ancora pratica!

Avatar utente
Vin Brillante
Messaggi: 291
Iscritto il: 15/01/2018, 18:56

19/04/2018, 11:17

Koem ha scritto:
18/04/2018, 20:28
Salve Ragazzi, so che questo sarà il millesimo post sul pass però non sapevo dove scrivere perché la maggior parte erano inerenti al giudizio del proprio pass attraverso un video oppure altri mi sembravano troppo vecchi. Spero che mi perdoniate se anche io mi aggiungo all'esercito dei pass.
Comunque tornando al dubbio. È da poco che sto studiando il pass e non ho ben capito l'utilità della copertura (nello specifico sto "studiando" il riffle pass), mi spiego meglio.

Mettendo l'ipotesi che io abbia così perfezionato il pass da renderlo super-veloce la copertura servirebbe? Oppure in tutti i casi la copertura è necessaria? Perché sinceramente non ho ben capito se il pass si esegue anche senza copertura oppure quest' ultima è necessaria rendendo il tutto (pass + copertura) una sola cosa.
Grazie mille per le eventuali risposte :D
Mi cisto imbattendo anch'io...mi rimane agganciata sempre l ultima carta del mazzetto di sopra...la meccanica non é super difficile ma,farla a duecento allora ne passerà di acqua sotto i ponti!
Cmq è 2 ore che ci provo :?:
"Quello che l occhio vede e l orecchio sente,la mente crede..."

Avatar utente
Koem
Messaggi: 187
Iscritto il: 05/09/2016, 12:56

23/04/2018, 21:13

Quindi si potrebbe dire che si può eseguire un classic pass quando l'attenzione non è sul mazzo ( come quando si esegue una filatura) mentre si esegue un pass con copertura quando l'attenzione è più "pungente" sul mazzo?
Coloro che sognano di giorno sanno più cose di chi sogna solo di notte

mr.brownie62
Messaggi: 11
Iscritto il: 30/12/2017, 19:21

24/04/2018, 15:39

Koem ha scritto:
18/04/2018, 20:28
Salve Ragazzi, so che questo sarà il millesimo post sul pass però non sapevo dove scrivere perché la maggior parte erano inerenti al giudizio del proprio pass attraverso un video oppure altri mi sembravano troppo vecchi. Spero che mi perdoniate se anche io mi aggiungo all'esercito dei pass.
Comunque tornando al dubbio. È da poco che sto studiando il pass e non ho ben capito l'utilità della copertura (nello specifico sto "studiando" il riffle pass), mi spiego meglio.

Mettendo l'ipotesi che io abbia così perfezionato il pass da renderlo super-veloce la copertura servirebbe? Oppure in tutti i casi la copertura è necessaria? Perché sinceramente non ho ben capito se il pass si esegue anche senza copertura oppure quest' ultima è necessaria rendendo il tutto (pass + copertura) una sola cosa.
Grazie mille per le eventuali risposte :D
Ciao! Io ho provato un po' di coperture per il salto e una di quelle che uso di più è il dribble pass. Ti consiglio di provare anche questa in futuro. Personalmente credo che quando si esegue un salto sia meglio pensare principalmente alla misdirection piuttosto che alla copertura infatti basta un istante di distrazione dello spettatore per eseguire la tecnica. Nel caso lo spettatore sia molto attento a ogni tuo movimento potresti eseguire un altro controllo magari più invisibile o con cui hai più esperienza. Se ti interessa approfondire il salto potresti leggere il libro "il salto invisibile". Io non l'ho letto ma credo sia molto interessante. :D

incognitax
Messaggi: 13
Iscritto il: 14/02/2018, 17:06

24/04/2018, 16:18

La copertura è di vitale importanza. Come evidenzia Diego Allegri nel video in cui spiega il salto classico dei mazzetti, bisogna usare le coperture, perchè puoi possedere il pass più veloce del mondo, ma, per una frazione di secondo si vede il mazzetto superiore muoversi. Quindi, per risolvere questo inconveniente, si attuano le coperture (esistono 10.000 coperture, ognuno ha la sua preferita)

Avatar utente
Tubbadù
Messaggi: 789
Iscritto il: 28/04/2017, 17:37
Località: Torino, Mirafiori sud

24/04/2018, 16:30

Koem ha scritto:
23/04/2018, 21:13
Quindi si potrebbe dire che si può eseguire un classic pass quando l'attenzione non è sul mazzo ( come quando si esegue una filatura) mentre si esegue un pass con copertura quando l'attenzione è più "pungente" sul mazzo?
Più o meno, l'importante è dare l'impressione di non aver fatto nulla di sospetto, di aver solo squadrato il mazzo o fatto un dribble ecc
Se poi si deve usare il pass come change, tipo una carta che sale a faccia in alto, allora è tutto un altro discorso
mr.brownie62 ha scritto:
24/04/2018, 15:39
Koem ha scritto:
18/04/2018, 20:28
Salve Ragazzi, so che questo sarà il millesimo post sul pass però non sapevo dove scrivere perché la maggior parte erano inerenti al giudizio del proprio pass attraverso un video oppure altri mi sembravano troppo vecchi. Spero che mi perdoniate se anche io mi aggiungo all'esercito dei pass.
Comunque tornando al dubbio. È da poco che sto studiando il pass e non ho ben capito l'utilità della copertura (nello specifico sto "studiando" il riffle pass), mi spiego meglio.

Mettendo l'ipotesi che io abbia così perfezionato il pass da renderlo super-veloce la copertura servirebbe? Oppure in tutti i casi la copertura è necessaria? Perché sinceramente non ho ben capito se il pass si esegue anche senza copertura oppure quest' ultima è necessaria rendendo il tutto (pass + copertura) una sola cosa.
Grazie mille per le eventuali risposte :D
Ciao! Io ho provato un po' di coperture per il salto e una di quelle che uso di più è il dribble pass. Ti consiglio di provare anche questa in futuro. Personalmente credo che quando si esegue un salto sia meglio pensare principalmente alla misdirection piuttosto che alla copertura infatti basta un istante di distrazione dello spettatore per eseguire la tecnica. Nel caso lo spettatore sia molto attento a ogni tuo movimento potresti eseguire un altro controllo magari più invisibile o con cui hai più esperienza. Se ti interessa approfondire il salto potresti leggere il libro "il salto invisibile". Io non l'ho letto ma credo sia molto interessante. :D
Concordo, io con la copertura dribble mi trovo veramente benissimo :D
incognitax ha scritto:
24/04/2018, 16:18
La copertura è di vitale importanza. Come evidenzia Diego Allegri nel video in cui spiega il salto classico dei mazzetti, bisogna usare le coperture, perchè puoi possedere il pass più veloce del mondo, ma, per una frazione di secondo si vede il mazzetto superiore muoversi. Quindi, per risolvere questo inconveniente, si attuano le coperture (esistono 10.000 coperture, ognuno ha la sua preferita)
Assolutamente sì, spero di non essermi espresso male, la copertura che si sceglie di usare è di fondamentale importanza, ma deve comunque (imo) essere considerata dopo aver capito bene la Meccanica della mossa da sola
Ale

Sergio Michelotto
Messaggi: 174
Iscritto il: 25/08/2017, 14:42
Località: Padova

24/04/2018, 22:01

Koem ha scritto:
23/04/2018, 21:13
Quindi si potrebbe dire che si può eseguire un classic pass quando l'attenzione non è sul mazzo ( come quando si esegue una filatura) mentre si esegue un pass con copertura quando l'attenzione è più "pungente" sul mazzo?
Ecco vedi il nocciolo della questione è proprio questo..Non è che "si può eseguire un classic pass quando l'attenzione non è sul mazzo ( come quando si esegue una filatura) mentre si esegue un pass con copertura quando l'attenzione è più "pungente" sul mazzo" perché sei tu che deve comandare queste fasi..sei tu con la tua presentazione con il tuo testo che deve guidare l attenzione del pubblico sul mazzo o sul soffitto 😊 per intenderci..ad esempio io eseguo quasi sempre lo spread pass perché faccio scegliere una carta da uno spread con forzatura classica o non è poi faccio rimettere la carta porgendo uno spread e allora facendo domande ecc
Ecc
Pratica, pratica e ancora pratica!

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Tomas Angels e 2 ospiti