Io distruggo le carte

Rispondi
Avatar utente
Vin Brillante
Messaggi: 213
Iscritto il: 15/01/2018, 18:56

23/04/2018, 11:46

Ciao klan.
Volevo fare una domanda a tutti coloro che stanno facendo i primi pass verso il pass
( :shock: ).
Io ho capito il meccanismo al rallenti,e quindi ho messo la terza per incrementare la velocità.
Ma le ultime carte del mazzetto che va sotto(la parte di sopra per intenderci)le piego agli angoli involontariamente per l'eccessiva pressione (lo sto imparando adesso...)
Siccome cè l effetto indesiderato degl angoli sto usando carte ultrausurate....
É giusto usarle? Dovrei usare carte a "norma"?
Voi che tipo di mazzi state devastando?
"Quello che l occhio vede e l orecchio sente,la mente crede..."

Federico18
Messaggi: 111
Iscritto il: 28/08/2017, 22:18

23/04/2018, 12:02

In teoria dovresti usare sempre dei mazzi che non siano ne troppo vecchi ma neanche nuovissimi, mi spiego meglio: quando ci si esibisce si usano mazzi seminuovi (almeno per quanto mi riguarda :D ) cioè mazzi aperti da relativamente poco tempo che sono stati, passami il termine, già "sverginati". Quindi non avrebbe senso allenarsi con un mazzo vecchio che non useresti mai nelle performance. Questo discorso è fatto in generale, molto probabilmente per il pass non è valido questo discorso in quanto non credo ci siano grosse differenze tra effettuarlo con un mazzo nuovo od uno vecchio. Questo è il mio parere :D , attendi altre risposte soprattutto da chi è più esperto di me!
La magia è credere, e credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa.
(Goethe)

Avatar utente
Vin Brillante
Messaggi: 213
Iscritto il: 15/01/2018, 18:56

23/04/2018, 12:21

Federico18 ha scritto:
23/04/2018, 12:02
In teoria dovresti usare sempre dei mazzi che non siano ne troppo vecchi ma neanche nuovissimi, mi spiego meglio: quando ci si esibisce si usano mazzi seminuovi (almeno per quanto mi riguarda :D ) cioè mazzi aperti da relativamente poco tempo che sono stati, passami il termine, già "sverginati". Quindi non avrebbe senso allenarsi con un mazzo vecchio che non useresti mai nelle performance. Questo discorso è fatto in generale, molto probabilmente per il pass non è valido questo discorso in quanto non credo ci siano grosse differenze tra effettuarlo con un mazzo nuovo od uno vecchio. Questo è il mio parere :D , attendi altre risposte soprattutto da chi è più esperto di me!
Grazie Federico
"Quello che l occhio vede e l orecchio sente,la mente crede..."

Avatar utente
Tubbadù
Messaggi: 789
Iscritto il: 28/04/2017, 17:37
Località: Torino, Mirafiori sud

23/04/2018, 14:23

Per il pass vai tranquillo con le carte vecchie ;) basta solo un po' (parecchio) allenamento
Ale

Avatar utente
Vin Brillante
Messaggi: 213
Iscritto il: 15/01/2018, 18:56

23/04/2018, 17:27

Tubbadù ha scritto:
23/04/2018, 14:23
Per il pass vai tranquillo con le carte vecchie ;) basta solo un po' (parecchio) allenamento
Quello che mi preoccupa di più é la copertura! :oops:
"Quello che l occhio vede e l orecchio sente,la mente crede..."

Avatar utente
Tubbadù
Messaggi: 789
Iscritto il: 28/04/2017, 17:37
Località: Torino, Mirafiori sud

24/04/2018, 15:36

Vin Brillante ha scritto:
23/04/2018, 17:27
Tubbadù ha scritto:
23/04/2018, 14:23
Per il pass vai tranquillo con le carte vecchie ;) basta solo un po' (parecchio) allenamento
Quello che mi preoccupa di più é la copertura! :oops:
Io personalmente (che faccio un pass orribile) penso che la parte più importante nell'esecuzione del salto classico non sia la totale invisibilità della mossa, quanto la naturalezza e la silenziosità con cui viene eseguita. Questo (IMO) perché il pass non serve per andare da uno e dirgli "guarda, c'è una carta in mezzo, ora faccio solo questi riffle e adesso la carta è in cima!", ma come controllo, cioè per sostituire il classico doppio taglio più falso miscuglio. Non sto dicendo che sia meglio del doppio taglio: il doppio taglio serve quando devi dare l'impressione che la carta sia dispersa da qualche parte del mazzo, ma non si sa dove; il pass invece serve per dare l'impressione che la carta sia in mezzo al mazzo, proprio a metà, esattamente dove lo spettatore l'ha messa. Può sembrare un dettaglio insignificante, ma guardati l'esecuzione di "Mirage" e immaginatela fatta col doppio taglio più miscuglio: non è la stessa cosa ;)
Quindi secondo me (almeno io ho fatto così e adesso più o meno posso dire di saperlo fare) conviene allenare prima la mossa nuda e cruda, senza coperture di alcun genere. Io per allenare la silenziosità lo facevo mentre guardavo i film, così se era rumoroso lo capivo subito :D
Buono studio!

PS: hai già visto il thread di MarcoLost sul pass? Interessantissimo!
Ale

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: kbmagician e 3 ospiti