Bobo

Avatar utente
The Matt
Moderatore
Messaggi: 1209
Iscritto il: 25/12/2014, 18:22
Località: Svizzera

05/01/2017, 21:19

Offre una lettura piuttosto completa e strutturata del Bobo. È interessante. Ma dipende anche da cosa vuoi tu. Mi pare d'aver capito che vuoi mettere in pratica "subito" qualche effetto, ma questa guida non te lo permette, visto che per tre settimane non fai altro che allenare tecniche. In ogni caso sono dell'opinione che questa guida - seppur ben strutturata - glissa su un fattore chiave: dopo 3 settimane ti sentirai frustratissimo per via del numero di tecniche da imparare e della difficoltà di certe. Solo a mettere una moneta in Thumb Palm (il palm più semplice dopo il Finger Palm) in modo decente e veloce mi ha richiesto settimane di allenamento. Certo, in 3 settimane avrai una buona "working knowledge" ma sarai lontanissimo da un risultato sufficiente per definirti bravo. A meno che tu non ti alleni 6 ore al giorno :lol:
Quel che è vero è che le prime settimane sono più dure, quando hai dimestichezza con le prese e i concealments tutto viene più facile. Tecniche complesse come il back palm mi hanno preso molto meno del tempo necessario per il classic palm.

La monetomagia richiede molto tempo, non c'è nulla da fare. Comunque secondo me la guida è bella, sono solo i tempi di apprendimento che mi preoccupano ;)
"Last night I shot an elephant in my pajamas, and how he got in my pajamas I'll never know" - Groucho Marx

Corrado
Messaggi: 33
Iscritto il: 22/08/2016, 6:48
Località: Brescia

06/01/2017, 7:30

Credo che la domanda di Marco sia stata fraintesa (cosa che ho fatto anch'io prima di rileggerla sotto un altro punto di vista): quello che si percepisce in prima battuta è la fretta di fare qualche giochino agli amici, interprentandola in altro modo secondo me contiene una richiesta di aiuto per un metodo di studio tutt'altro che sciocco.
Studiare una tecnica nei minimi dettagli, lavorarci sopra senza vederne un'applicazione, senza provarla inserita nella struttura di un effetto, non ti permette di conoscerla realmente a fondo, di averne piena confidenza né, tanto meno, di apprezzarne il valore. Differente è affrontarne lo studio, capirla, provarla e testarla nello svolgimento di una breve routine. Questo, a mio modesto parere, oltre a rendere decisamente più piacevole l'apprendimento, permette di conoscere la tecnica più a fondo, permette di lavorare creativamente magari immaginando possibili applicazioni alternative, permette di capirne il potenziale e i punti deboli così come gli aspetti su cui lavorare per renderla perfetta.

Detto questo, come già detto il Bobo è strutturato in modo un po' differente. Forse potrebbe essere interessante e utile ACCOSTARE allo studio del Bobo dei DVD come quello di Stone o di Roth o (per me ancora meglio) quelli di Eric Jones. In questi DVD potrai trovare le tecniche presentate nel Bobo (non tutte), magari interpretate e spiegate dal punto di vista dell'autore del video (e quindi aggiungere sfumature diverse) e degli effetti che ti aiutino nel tuo percorso di studi. Mi sembra superfluo rimarcare il fatto di essere preparato prima di presentare in pubblico qualche routine anche se non è corretto (a mio modo di vedere) tentare di perseguire la perfezione durante l'allenamento prima di "uscire" perché la perfezione non viene davanti allo specchio, ma presentando e facendo nel mondo reale, venendo beccati, imparando a gestire l'errore, capendo dove migliorare, correggere, migliorare.

Questo il mio punto di vista.

Ciao a tutti

Corrado

Avatar utente
GabriGrimm
Team Leader
Messaggi: 4039
Iscritto il: 15/10/2013, 7:59

06/01/2017, 9:51

No no, la domanda è chiara, proprio per questo motivo stiamo consigliando di studiare dalla prima pagina, le tecniche di base sono importantissime, già con quelle puoi eseguire qualcosa.
La sparizione di una moneta è già di per se un effetto, più tecniche conosci più effetti puoi eseguire.
Okito Box, Shell...per utilizzarli devi sapere almeno le tecniche di base.
Mettere una moneta in una mano e poi farla sparire non è un effetto?, certo devi saperlo fare bene.
Se vuoi provare un effetto efficace su www.digitalconjuring.com c'è l'effetto di Pino Rolle
http://digitalconjuring.com/page/product/code/3to3/3to3
per eseguirlo in quel modo devi conoscere molto bene le basi, basta vedere come maneggia, come tocca le monete, è evidente.
Faccio un esempio stupido: stavo allenando il muscle pass, avevo raggiunto un buon livello d'altezza, mi sono fermato una settimana e non dico che sto punto a capo ma quasi...ci vuole tanto impegno e costanza.
Qual è la cosa che ti piace di più nella tua città?
...i salti alti...

Corrado
Messaggi: 33
Iscritto il: 22/08/2016, 6:48
Località: Brescia

06/01/2017, 10:54

Rispondo per punti:

1. La domanda è chiara, ma suscettibile di interpretazioni differenti: infatti non dice da nessuna parte che vuole imparare velocemente qualche effetto per uscire in strada a mostrarli. Io capisco che vuole imparare effetti e routine per applicare le tecniche studiate.
2. Non mi sembra di aver consigliato di saltare pagine o di saltare argomenti, ANZI, ho consigliato di integrare il Bobo con altri strumenti (differenti e più moderni) per completare ed ampliare aggiungendo punti di vista differenti.
3. La sparizione di una moneta è un effetto, la retention vanish non lo è, così come non lo è un french drop. La sprizione di una moneta inserita in un contesto e in una serie di effetti magici diventa una routine. Magari è "semplicemente" una routine con una moneta (flurry), ma magari diventa lo strumento per studiare a fondo il french drop o la retention vanish o la spider vanish o mille altre cose.
4. Okito box e shell in questo discorso non c'entrano nulla. Le tecniche di base le usi indipendentemente dall'utilizzo di gimmick (che per altro non sono indispensabili e non c'è scritto da nessuna parte che debbano essere utilizzati, c'è così tanto da fare con delle monete normali)
5.non è solo saper eseguire tecnicamente bene una determinata "mossa", per renderla invisibile e/o efficace c'è molto di più e solo utilizzandola in un contesto puoi capirlo.
6. Nessuno ha mai detto che non ci voglia impegno, pazienza, tempo, costanZa.

Corrado

Jack franzo
Moderatore
Messaggi: 1065
Iscritto il: 14/01/2016, 23:15
Località: Torino

06/01/2017, 11:39

Corrado ha scritto: Studiare una tecnica nei minimi dettagli, lavorarci sopra senza vederne un'applicazione, senza provarla inserita nella struttura di un effetto, non ti permette di conoscerla realmente a fondo, di averne piena confidenza né, tanto meno, di apprezzarne il valore. Differente è affrontarne lo studio, capirla, provarla e testarla nello svolgimento di una breve routine.
Infatti tutti quelli che studiano il pass si fanno ogni volta la carta ambiziosa o un altro effetto ;)

Ci sono migliaia di tecniche e alcune vanno studiate singolarmente e per bene!
" un giorno senza un sorriso è un giorno perso " (Charlie Chaplin)

Corrado
Messaggi: 33
Iscritto il: 22/08/2016, 6:48
Località: Brescia

06/01/2017, 12:02

Penso che prima di mettersi alla tastiera a scrivere tanto per farlo sarebbe il caso di leggere e capire ciò che viene espresso!
Detto questo, nessuno ha mai detto che bisogna fare un qualsisi effetto senza aver studiato la tecnica, questa è una tua invenzione e non cercare di appiopparla a me!
Io ho detto che dopo aver appreso la tecnica, per poterla conoscere a fondo, è indispensabile applicarla. Il salto lo studi quanto vuoi, stacci su anche 25 anni, quando poi ti trovi ad applicarlo all'interno di una routine, in un contesto, in una narrazione, scopri che esistono infinite sfaccettature.
La taglio ancora più fine: prendi la macchina e impara a guidarla nel tuo quartiere, fallo per 50 anni, poi esci e gira per la città, vai in tangenziale, vai in autostrada, vai in altri Paesi, scommetto che nonostante i 50 anni passati alla guida ci sono tante cose ancora da scoprire anche se l'automobile è sempre la stessa e la strada è fatta di asfalto!
NESSUNO, lo ripeto, NESSUNO, ha detto di buttarsi in una routine senza sapere nulla, quello che è stato detto è SENSIBILMENTE DIFFERENTE, se si vuol leggere e CAPIRE per una discussione costruttiva PER TUTTI benissimo, se lo scopo è quello di dare soddisfazione al proprio ego allora è un altro discorso, non lo critico, basta saperlo.

Corrado

Jack franzo
Moderatore
Messaggi: 1065
Iscritto il: 14/01/2016, 23:15
Località: Torino

06/01/2017, 12:12

Corrado ha scritto:Penso che prima di mettersi alla tastiera a scrivere tanto per farlo sarebbe il caso di leggere e capire ciò che viene espresso!
Detto questo, nessuno ha mai detto che bisogna fare un qualsisi effetto senza aver studiato la tecnica, questa è una tua invenzione e non cercare di appiopparla a me!
Io ho detto che dopo aver appreso la tecnica, per poterla conoscere a fondo, è indispensabile applicarla. Il salto lo studi quanto vuoi, stacci su anche 25 anni, quando poi ti trovi ad applicarlo all'interno di una routine, in un contesto, in una narrazione, scopri che esistono infinite sfaccettature.
La taglio ancora più fine: prendi la macchina e impara a guidarla nel tuo quartiere, fallo per 50 anni, poi esci e gira per la città, vai in tangenziale, vai in autostrada, vai in altri Paesi, scommetto che nonostante i 50 anni passati alla guida ci sono tante cose ancora da scoprire anche se l'automobile è sempre la stessa e la strada è fatta di asfalto!
NESSUNO, lo ripeto, NESSUNO, ha detto di buttarsi in una routine senza sapere nulla, quello che è stato detto è SENSIBILMENTE DIFFERENTE, se si vuol leggere e CAPIRE per una discussione costruttiva PER TUTTI benissimo, se lo scopo è quello di dare soddisfazione al proprio ego allora è un altro discorso, non lo critico, basta saperlo.

Corrado
si vede che non sono l'unico a non saper leggere ;)

Poi sul tuo ragionamento che una tecnica varia nel contesto sono d'accordo, ho detto semplicemente che alcune tecniche vanno studiata bene prima e poi messe in una routine, anche perchè alcune tecniche sono particolarmente difficili e ci va un buon allenamento!
Poi se pensi che io sia qua solo per soddisfare il mio ego non hai capito molto.
" un giorno senza un sorriso è un giorno perso " (Charlie Chaplin)

Corrado
Messaggi: 33
Iscritto il: 22/08/2016, 6:48
Località: Brescia

06/01/2017, 12:34

Ho mai detto che una tecnica non vada studiata e conosciuta prima di essere applicata? No, questa è stata una TUA specificazione del tutto superflua. Detto questo non ho intenzione di rispondere ad altri messaggi non inerenti la richiesta di Marco.

Corrado

Avatar utente
GabriGrimm
Team Leader
Messaggi: 4039
Iscritto il: 15/10/2013, 7:59

06/01/2017, 12:51

Marco230100 ha scritto:Ciao a tutti ho deciso di lanciarmi nel mondo della monetomagia, così ho deciso di scaricarmi il PDF del Bobo. Il problema è che il libro non è come il card college, dove è spiegata una tecnica e poi subito un gioco dove applicarla. Come mi consigliate quindi di studiarlo? Perché non vorrei imparare tutte le tecniche prima di iniziare a fare i primi giochi, ma volevo subito sperimentare qualcosa. Grazie a tutti in anticipo.
Inizia con gli effetti base, passo dopo passo e senza fretta, capirai da solo, guardandoti allo specchio, quanto sia già magico depositare una moneta su una mano, riaprirla e vederla vuota.
Se segui passo passo i capitoli noterai che alcune tecniche si legano per formare una tua routine.
Puoi guardare anche i Dvd del Bobo per renderti anche conto di come vengono mosse mani e braccia, angolazioni e via dicendo, che sono straimportanti.
Ti diciamo di iniziare dalle tecniche basilari proprio perchè senza quelle non puoi eseguire gli effetti, anche i più semplici.
Se non vuoi studiare il muscle pass perfetto, è una tecnica avanzata, puoi sempre riprenderla più in la.
@Corrado: perchè alzare i toni quando non c'è bisogno? Stiamo facendo delle considerazioni, parliamo di esperienze personali e soprattutto in amicizia.
Abbiamo detto la nostra, hai detto la tua...starà a lui decidere.
Perchè ho citato Okito box e shell? Semplice, quando fai monetomagia tendi ad interessarti a tutto ciò che puoi fare con questo strumento (ci sono dvd dedicati a questi due gimmik).
Lo scopo è di non far spendere soldi inutilmente, potrebbe rimanere deluso dal loro utilizzo proprio perchè non sarebbe capace ad utilizzarli non sapendo nemmeno prendere una moneta in mano.
Quello che dici è tutto giusto, forse sei tu che fraintendi.
Qual è la cosa che ti piace di più nella tua città?
...i salti alti...

MarcoLostSomething
Moderatore
Messaggi: 1106
Iscritto il: 29/04/2016, 10:50

06/01/2017, 13:35

Marco, le tecniche sono solo strumenti con cui si possono costruire gli effetti e le routine. Giobbi fa un ottimo lavoro nell'isolare alcuni giochi di prestigio con le tecniche spiegate nel capitolo.
Quindi, se hai in mente di fare una carta ambiziosa, non guardi il capitolo sulle forzature (anche se si puo' costruire un finale particolare, se non fai firmare la carta!), ma quelli che ti interessano per fare la tua routine, io ci metto anche il top cover pass, il controllo sotto al nastro, il salto, la doppia presa (ovviamente!)..
Ovunque vuoi attingere per ottenere il tuo risultato, la conoscenza magica ti aiutera' per avere piu uscite!
Tuttavia per uno che e' agli inizi, e' richiesto un minimo di rodaggio sulle tecniche di base, io quando iniziai con cartomagia sono stato mesi solo a mescolare, controllare, doppie prese, tutto a vuoto senza mai fare niente.
Per la monetomagia dovrebbe essere allo stesso modo, all'inizio devi un po' acquisire confidenza col mezzo, e saper "tenere" le monete.
Corrado (sebbene mi sembra abbia un attimo preso le cose per malverso) ha fatto delle osservazioni interessanti, sul fatto che l'allenamento deve anche essere divertente, magari provando (non in performance, ovviamente) alcune tecniche all'opera nel contesto di un effetto semplice. Anche il provare alcune cose puo' aiutarti a capire piu' cose sulle tue routine (solo piu avanti pero', quando saranno pronte...non vorrai mica fare figuracce?).
In conclusione, mettendo le cose insieme: non serve sapere TUTTO il bobo per iniziare a vedere delle routine, ma e' richiesto il buonsenso di riconoscere quando una tecnica sia gestibile, e all'inizio purtroppo ci vuole un po' di pazienza perche comunque la monetomagia e' molto basata sulla tecnica, sul saper "tenere" gli impalmaggi con naturalezza e sulla misdirection.
Guardati i video delle varie performance di David Stone, Roth, Eric Jones, Omer Liwag, Slydini (e altri) per farti un'idea e vedere intanto come lavorano in monetomagia.

Non e' per scoraggiarti, ma e' cosi' per tutte le cose: la chitarra ad esempio, se la prendi in mano per la prima volta col piffero che riusciresti a suonare una canzone... Prima ti impari le note, gli accordi, e magari dopo inizi a provare la canzone del sole. Poi tutto sara' in discesa, non ti preoccupare! E' pur sempre una cosa nuova!

PS: non so suonare la chitarra, tantomeno fare la canzone del sole... ma il senso e' quello

PPS: in nessun modo in questo forum si risponde in atteggiamento di sfida, ognuno deve dire la sua nel rispetto degli altri.

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite