Allenamento Bottom Deal

MarcoLostSomething
Moderatore
Messaggi: 1257
Iscritto il: 29/04/2016, 10:50

14/09/2017, 20:36

-RD- ha scritto:
14/09/2017, 19:50
Si è vero il pollice si muove, in realtà volevo scrivere (errore mio) che rimane dritto nello spingere in fuori la carta, invece di simulare l'azione naturale, col pollice un po' piegato.
Eh quello sarebbe un bel dettaglio, anche se non e' supermegaimportante, pero' vale la pena provarci.
L'ho visto fare solo da una persona (che tra l'altro e' rispuntata dall'oblio giusto oggi), pero' ha rimosso tutti i video e non posso linkarti nulla, per ora.
Ci sto lavorando anche io a questa cosa, vediamo cosa esce fuori.
-RD- ha scritto:
14/09/2017, 19:50
Aggiunto alle cose da fare! In effetti sono esercizi che non ho mai fatto ma che fan bene.
Si, allenano cose sempre piu' importanti, e' veramente una sleight assurdamente complessa da apprendere in maniera "competitiva".
Aspetta gli esercizi "bottom deal sui carboni ardenti" o cose simili...

-RD-
Messaggi: 170
Iscritto il: 01/02/2017, 19:10

15/09/2017, 12:19

MarcoLostSomething ha scritto:
14/09/2017, 20:36
Aspetta gli esercizi "bottom deal sui carboni ardenti" o cose simili...
:lol: :lol:
It is a great ability to be able to conceal one's ability

-RD-
Messaggi: 170
Iscritto il: 01/02/2017, 19:10

30/10/2017, 18:27

Aggiungo un video dove provo il bottom deal con un grip diverso rispetto agli altri video che ho caricato.
Sto facendo qualche tentativo usando qualcosa di simile al "Master Grip" (di Marlo), giusto per provare tipi diversi e vedere con quale mi trovo "meglio" (si vabbé si far per dire).

Ecco i miei 2 cents dopo un paio di mesi di pratica con questo grip:

A esercitare la pressione diagonale stavolta è solo l'indice, il medio adesso è sul lato lungo del mazzo invece che su quello corto.
Avere il medio sul lato lungo riduce la superficie dell'ultima carta che si può arrivare a contattare con la mano destra durante il take, e devo ammettere che specialmente ai primi tentativi mi ha dato ben più di un problema, anche se continua tuttora.
Oserei dire che il take deve essere più preciso, in particolare l'angolo con cui il medio (o l'indice a seconda delle preferenze) della mano destra entra a contattare l'ultima carta è più ridotto, così come l'angolo che forma la mano destra con il mazzo mentre si avvicina.
Altra brutta sorpresa: il movimento delle dita sul lato lungo quando prendo l'ultima carta (il cosiddetto finger drop) è molto evidente. Sarà una questione di tempo, quasi certamente, ma lo sento meno controllabile rispetto a prima.

Sembra assurdo da dire ma spostare anche solo un dito nell'impostazione mi obbliga a rivedere quasi completamente l'azione della mano destra per prendere la carta, nonostante ci siano molte cose in comune ai due metodi che ho provato (per esempio con entrambi i grip ho usato solo la "versione" strike invece di un push-off).
Non si tratta di ricominciare da zero come per imparare una nuova tecnica, ma poco ci manca.
Sicuramente ogni grip (coi suoi vantaggi e i suoi svantaggi) ti insegna qualcosa di diverso e questo è utile per capire cosa funziona e cosa no, e soprattutto perché.

Ci sarebbe molto altro da dire ma penso di essermi dilungato abbastanza; quasi mi scordavo il video.



Beh come "performance" è piuttosto scarsa, ci sono ancora tante tante cose da migliorare che non le sto neanche ad elencare. Per adesso mi accontento di capire da dove iniziare (e di non vedermi tirare addosso dei pomodori :lol: :lol:)

Scherzi a parte, l'apprendimento di questa tecnica ti obbliga ad essere paziente e a dedicarti seriamente, puoi non vedere risultati apprezzabili per molto tempo ma se non perseveri non ne vedrai mai.
Devo dire che (almeno per me) questa tecnica è molto più di "servire una carta dal fondo del mazzo", quello che ti insegna vale più della mossa in sé.
It is a great ability to be able to conceal one's ability

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite