bottom deal

Rispondi
hamman
Messaggi: 93
Iscritto il: 06/03/2015, 11:17

11/03/2015, 22:23

in una partita di poker vera con giocatori bravi,lo fareste il "bottom deal"?
we are such stuff as dreams are made on,and our little life is rounded with a sleep.
(the tempest) - shakespeare

carloalberto
Messaggi: 19
Iscritto il: 19/11/2014, 18:41

16/03/2015, 20:43

sinceramente....ni...presupponendo il fatto di eseguire molto bene il bottom deal...ci saranno sicuramenti cali di attenzione dopo magari un paio di ore di gioco...e si puo fare...ma ritengo ci siano soluzioni migliori per evitare il bottom deal...

hamman
Messaggi: 93
Iscritto il: 06/03/2015, 11:17

17/03/2015, 0:35

certo,il 'bottom deal',che nei filmati sembrerebbe abbastanza facile,nella realtà è tutt'altra cosa.......
la distribuzione delle carte richiede troppo tempo e lo spessore del mazzo di certo non lo facilita.
mentre al cambio delle carte,col mazzo di 12 carte(poker italiano) beh...insomma....
P.S.
ho letto spesso di poker americano,quello a 52 carte,(non texano),ma in Italia,chi lo gioca?
we are such stuff as dreams are made on,and our little life is rounded with a sleep.
(the tempest) - shakespeare

Avatar utente
TEATCT
Messaggi: 121
Iscritto il: 11/10/2015, 10:55

27/11/2015, 20:17

hamman ha scritto:certo,il 'bottom deal',che nei filmati sembrerebbe abbastanza facile,nella realtà è tutt'altra cosa.......
la distribuzione delle carte richiede troppo tempo e lo spessore del mazzo di certo non lo facilita.
mentre al cambio delle carte,col mazzo di 12 carte(poker italiano) beh...insomma....
P.S.
ho letto spesso di poker americano,quello a 52 carte,(non texano),ma in Italia,chi lo gioca?
Sono d'accordo quando affermi che lo spessore del mazzo contribuisca a rendere la tecnica in questione più complessa, ma non riguardo al fatto che la distribuzione delle carte necessiti troppo tempo.
Tutto dipende dal numero di ore di allenamento che hai all'attivo e la tipologia di allenamento che pratichi.

Una delle cose più importanti nelle false distibuzioni è il ritmo, è risaputo, che si tratti di Bottom, di Greek, di Second o Center (per citare le più conosciute), e questo fattore non può essere trascurato.

Allenarsi con l'ausilio di un metronomo (è possibile utilizzarne uno online se non se ne possiede uno fisico), è un buon metodo per imparare a distribuire le carte, siano esse distribuite regolarmente e/o da un altro punto del mazzo, in modo omogeneo per quanto riguarda il ritmo. Allenati settando il metronomo inizialmente ad un valore di bpm che si adatti alle tue esigenze, e distribuisci le carte rispettando il ritmo scandito dallo strumento; una volta che hai preso confidenza con quel ritmo, e hai consapevolezza di non esitare nel momento in cui devi servire da sotto, allora incrementa il valore dei bpm e riprendi l'allenamento.

Un'altra cosa utile per apprendere un buon Bottom Deal è imparare a servire non solo a se stessi le carte riservate sul fondo, ma cambiare ogni volta, ad ogni giro di distribuzione, il giocatore da servire; idem per quanto riguarda il numero dei giocatori al tavolo, variarlo è un'altra cosa intelligente da fare.

Tornando al discorso dello spessore del mazzo, sebbene sia vero che un mazzo ridotto consenta di eseguire con più facilità il servizio di vantaggio dal fondo, ciò non implica che, attraverso alcuni accorgimenti, non si possa migliorare nel tempo arrivando a servire perfettamente anche con un mazzo di 52 carte. Prova ad allenarti con un mazzo di 65/70 carte per un determinato periodo, e vedrai che tornando al mazzo di 52 carte, le sensazioni saranno diverse e ti riuscirà più semplice mettere in pratica la tecnica.
"È proprio questa la morte dei sogni...ma se sei più forte di chi cerca di ucciderli allora è la via giusta perché si avverino..." (GabriGrimm)

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite