Etá media nella magia

Parliamo anche di altro!
Salvi83
Messaggi: 418
Iscritto il: 16/01/2017, 16:52

19/05/2017, 19:04

Salve ragazzi, mi collego a youtube per guardare il video di Sness e, nei suggerimenti della pagina iniziale, vedo l'ultimo video di Jack Nobile "fare magia con i canadesi" (o qualcosa del genere) che includeva Chris Ramsay e Shin Lim. Premesso che il video è il solito pattume che m'ha fatto pentire d'aver sprecato 10 minuti della mia vita (che avrei piú volentieri usato per raccontare barzellette a me stesso), ha avuto comunque il merito di farmi riflettere su una cosa che avevo giá notato, ma che è stata ulteriormente confermata da questo video. Ovvero che il pubblico attirato dalla prestigiazione è composto da ragazzini di 15 anni come etá media. E il tutto condito dal commento di Jack Nobile "oh ho scoperto che Chris ha 33 anni: ci sono rimasto malissimo", come se avere 30 anni fosse un reato.
L'avevo giá notato anche nelle foto di Diego su facebook e ora lo noto anche qua: possibile che la magia non attiri un pubblico piú adulto? Per caritá io faccio prestigiazione per divertirmi e divertire, ma mi sentirei alquanto a disagio a fare il "ganzo" con orecchini e tatuaggi quando il piú grande tra quelli che mi stanno intorno ha la metá dei miei anni e, se per caso incrocio una pattuglia dei carabinieri, corro anche il rischio di beccarmi una denuncia. Parlo anche ai ragazzi giovani del forum: non ce l'ho con voi, tutti siamo stati quattordicenni e, anzi, la vostra giovane etá può anche essere motivo d'invidia, chi non vorrebbe essere 15-20 anni piú giovane? Però non capisco come da Penn and Teller si vada a creare un pubblico piú maturo, mentre qua in Italia sembra che la magia faccia presa quasi esclusivamente sui ragazzini che, anche a motivo di una innata maturitá, finiscono per svilirla essendo costantemente alla ricerca dell'effetto o del tru**o che colpisce di piú, ma molto meno al cercare un'espressione artistica dell'effetto.
Cosa pensate voi? È un'impressione unicamente mia oppure l'avete notato anche voi?

Ps: onde evitare fraintendimenti lo ripeto meglio... non sto stigmatizzando con disprezzo i ragazzi che vogliono fare illusionismo, anzi fa piacere vedere entusiasmo e interesse che, uniti a una giovane etá e ai conseguenti ampi margini di miglioramento, fanno di certo ben sperare. Però come prestigiatore, o come artista in generale, sarei contento d'avere anche un seguito da parte d'un pubblico piú maturo, piú posato.

Pps: a volte rileggono i miei messaggi e m'accorgo degli errori che commetto: perdonatemi. Purtroppo mi rendo conto che, essendo abituato a parlare ogni giorno una lingua diversa dalla mia lingua madre, il mio italiano sta peggiorando sempre di piú, commetto errori che qualche anno fa mai avrei commesso oppure devo pensare molto piú del dovuto per trovare un termine :(
-Francesco-

Damianflag
Messaggi: 77
Iscritto il: 07/03/2017, 19:47

19/05/2017, 19:26

Salvi83 ha scritto:
19/05/2017, 19:04
Premesso che il video è il solito pattume che m'ha fatto pentire d'aver sprecato 10 minuti della mia vita (che avrei piú volentieri usato per raccontare barzellette a me stesso),
Ahhh :lol: :lol: .
Concordo pienamente con te.(anche se io sono un ragazzino.)
"Non tutti possono diventare dei grandi artisti, ma un grande artista può celarsi in chiunque!

ste.scoz
Messaggi: 192
Iscritto il: 23/01/2017, 17:45

19/05/2017, 19:31

Damianflag ha scritto:
19/05/2017, 19:26
Salvi83 ha scritto:
19/05/2017, 19:04
Premesso che il video è il solito pattume che m'ha fatto pentire d'aver sprecato 10 minuti della mia vita (che avrei piú volentieri usato per raccontare barzellette a me stesso),
Ahhh :lol: :lol: .
Concordo pienamente con te.(anche se io sono un ragazzino.)
Salvi almeno la barzelletta l hai raccontata a noi hahaha
Ci vorrebbe uno youtuber che su 10 minuti di video fa 20 minuti di magia xD
Nulla è impossile è solo questione di applicazione, metodo e pratica. Questo è il messaggio che la magia trasmette :)

Avatar utente
Sardosono
Messaggi: 251
Iscritto il: 18/03/2017, 0:28
Località: Cagliari
Contatta:

20/05/2017, 1:22

Capisco che sia istintivo farlo, ma non commettiamo l'errore di pensare che il web (ed ancor meno YT) sia lo specchio della realtà.

Off-Topic :
Prima di dire la mia nel merito diretto del topic, mi permetto di fare una breve digressione più impegnativa (ma solo apparentemente) e per le prossime poche righe smetto i panni del mago dilettante per indossare quelli dell'informatico puro, crittografo e specializzato nella sicurezza reale. Voglio citare alla lettera una frase di K da un MP, nella quale ho evidenziato in grassetto il punto cruciale:
K ha scritto:
15/04/2017, 17:56
(...) bisogna essere capaci di scindere Internet dalla realtà che c'è fuori; Internet è un mondo a parte e non capirlo può costare caro...
Il mio "pensiero professionale" è rimasto profondamente colpito dalla perentorietà e l'estrema lucidità di queste due affermazioni, che sintetizzano due verità, la prima delle quali pare essere condivisa da molti, ma a mio dire la seconda è compresa veramente appieno solo da una ristretta minoranza. Infatti, contrariamente all'idea che l'immaginario collettivo si è costruita sulla base di film, telefilm, giornali e quant'altro ci bersagli ogni giorno, il vero problema della sicurezza reale (informatica in primis, ma non solo), quello che determina almeno il 90% di tutte le falle di sicurezza, è dato proprio dall'istintivo e plausibile convincimento che il mondo che traspare dal web sia uno specchio attendibile di quello reale. Ma tale convincimento è assolutamente errato e dunque risulta fatale per chiunque vi si affidi.

Sarebbe impensabile fare esempi concreti in questa sede, ma posso solo dire che la quasi totalità delle "forzature" nella sicurezza fanno leva su falle comportamentali, e che la madre di tutte le falle è appunto l'immaginario collettivo fallace che nasce dal web e da quanto gli gravita intorno. La parte più difficile, impegnativa e faticosa di questo lavoro non è affatto quella tecnica, ma quella esplicativa che consiste nel far comprendere (a chi avrebbe tutto l'interesse a capirlo, se solo capisse almeno questo!) questa semplice verità: il web non è lo specchio della realtà. Al contrario, la realtà del web è un sotto-prodotto della "realtà reale" e più precisamente è lo specchio dell'immaginario collettivo predominante. Provo ad esprimere il concetto in altro modo, rimanendo nella metafora degli specchi: il web rispecchia quel che la gente pensa che il mondo sia, la qual cosa non ha ovviamente niente a che vedere, ma proprio niente, con quel che il mondo realmente è.

Ecco perché la frase di K mi ha colpito (anche se in quel momento non ho ritenuto opportuno annoiarlo con queste mie riflessioni): anche se sento spesso ripetere la prima delle due affermazioni (almeno proferita come dichiarazione formale), vi assicuro che è assai raro imbattersi in qualcuno che percepisca da solo l'estrema pericolosità del non rendersene conto.

Quanto sopra è certamente tutto IMO, ma in questo caso si tratta di una opinione squisitamente professionale.

Quanto ho scritto nel precedente off-topic dovrebbe consentire di comprendere perché io non credo affatto che l'età media di chi si avvicina all'illusionismo sia intorno ai 15 anni. Per come la vedo io, 15 anni è l'età media di chi su YT si avvicina a ciò che lo stesso YT propone come illusionismo, ma che in realtà illusionismo non è. E del fatto che non si tratti di illusionismo, ma di altra cosa giusto lontana parente, prova ne sia che la gran parte degli iscritti sul forum di quell'età vanno in cerca di pass, color change, "effetti più moderni" (di quelli dei CC, sigh...) e via discorrendo, ossia (che nessuno si offenda, poi alla fine del post mi riabilito!) ossia di "mezzi" per fare anch'essi i "fighetti", secondo l'immaginario collettivo del "mago fighetto" proposto sempre da YT e dai social. Ma questo non è lo specchio della realtà: questo è soltanto il riflesso della realtà virtuale di YT e dei social e nulla più di questo.

Per essere chiari, quelli riflessi dal web (e dai social in particolare) NON SONO MAI campioni rappresentativi della società, ma campioni inevitabilmente filtrati, che tecnicamente possono essere definiti come "insiemi catalizzati da meccanismi auto-validanti" (*), che è quanto di più inattendibile si possa immaginare in campo statistico. Insomma, quello dei "seguaci" nati sul web (in qualunque argomento, settore o disciplina) è un tipico fenomeno di "insieme trappola", ossia un insieme di tutti coloro che non hanno realmente scelto di farne parte, ma che semplicemente ci si sono ritrovati dentro senza neanche sapere perché, né come ci siano finiti (ed in genere senza essere neppure consapevoli di esserci entrati). (*)

E vorrei concludere, caro Francesco, riportando in gioco proprio i giovanissimi che si iscrivono al Klan (ed in questo modo spero di farmi perdonare da quanti si fossero sentiti offesi da quanto ho detto in precedenza).
E' vero che questi ragazzi arrivano con molte "ideine" sbagliate (leggasi: idee DEL tubo apprese SUL tubo), ma è pur altrettanto vero che quasi tutti manifestano chiaramente di essersi iscritti proprio perché hanno "fiutato a naso" che nell'idea di illusionismo diffusa su YT vi è qualcosa che non quadra. Anche senza aver mai sentito questi miei sproloqui (fortuna loro!) sentono però il proprio istinto, che suggerisce loro che quella presente sul tubo "non è la realtà reale" e, cosa ancor più significativa, percepiscono sempre istintivamente che questo forum sia più affidabile di tutto il tubo messo insieme. E detto ciò, per rispondere alla tua domanda (e ce ne ho messo di tempo, eh?!...)
Salvi83 ha scritto:
19/05/2017, 19:04
È un'impressione unicamente mia oppure l'avete notato anche voi?
... non posso parlare per gli altri, ma certamente l'ho notato anche io (ed anche volendo difficilmente potrei non farci caso, se non propriamente per deformazione professionale quantomeno per analogia), però non penso affatto che in Italia l'interesse negli adulti sia minore che nei giovani, anzi ritengo sia proprio il contrario. Ma la difficoltà sta nel fatto di riuscire ad arrivare agli adulti i quali, per storica carenza di diffusione e di cultura dell'illusionismo nel nostro paese, non soltanto non ci cercano, ma non sanno neanche che noi esistiamo. :roll:

_____________
(*) Un fenomeno che costituisce un perfetto "caso di studio" è quello dei terrapiattisti.
Ultima modifica di Sardosono il 20/05/2017, 11:01, modificato 2 volte in totale.
Antonello

The real secret to magic lies in the performance - David Copperfield

dani magic
Messaggi: 309
Iscritto il: 10/01/2017, 17:51

20/05/2017, 6:41

1) Salvi non credo che jack volesse intendere che Chris fosse vecchio per la magia, tutt'altro, ma voleva intendere che non sembra avere 33 anni.
2) Qualche anno fa c'era la moda che tutti dovevamo diventare YouTubers e fate game play. Adesso sta spopolando la "magia" come strumento per essere popolari e fighi. Pensiamo al caedistry; molti lo fanno perché è figo per loro, è bello per loro avere i profili instagram pieni di foto carine e di mazzi vari per prendere i likes. Nella comunity di YouTube esiste solo un grande canale che è quellp di jack e quindi i ragazzi pensano che essendoci solo quel canale la concorrenza sia minima, allora tutti aprono un canale di magia pieni di tutorial ecc. Per alcuni di questi ragazzi la magia è solo una moda niente di più. Gli interessa la magia come arte di "adesso ti faccio il pass, booomm ti ho sospeso: mentre non gli interessa la magia come arte -anzi non sanno neanche che la magia è un'arte-.
3) come ha detto il grande Antonello la cultura magica in italia non è molto sviluppata, diverso in America. Ci sono senz'altro molti maghi più grandi ma è normale in un paese come l'Italia che ci siano più ragazzi a fare magia (anche se secondo me ci sono il numero giusto di maghi un po più grandi) sia per motivi storici attuali e passati e sia per mentalità.
"Creare e comprendere un effetto magico è una scienza. Eseguirlo è un'arte" (Roberto Giobbi)
Canale YouTube: https://m.youtube.com/channel/UCKXTZz6OpwsZgYqWQgvoxsw

Salvi83
Messaggi: 418
Iscritto il: 16/01/2017, 16:52

20/05/2017, 15:18

Sardosono ha scritto:
20/05/2017, 1:22
Capisco che sia istintivo farlo, ma non commettiamo l'errore di pensare che il web (ed ancor meno YT) sia lo specchio della realtà.
Sai che credo che questo sia forse il punto della questione? alla fine le star di youtube sono circondate da ragazzini perché quello e´ il pubblico di youtube, non perché la prestigiazione sia prerogativa di ragazzini. E, a ben pensarci, nel vedere esibizioni di Preverino, Dove e Cremona a Masters of Magic il pubblico era composto da persone decisamente più grandi.
A questo punto mi sorge una domanda (che non deve essere vista come provocazione, o almeno non totalmente): non e´ che la guerrilla magic sia una forma più "infantile" di magia? Forse proprio per il suo voler apparire, per il suo esibizionismo, tende ad attrarre particolarmente i giovani i quali, si sa, danno molta più importanza degli adulti all´apparenza e all´essere accettati?
-Francesco-

Avatar utente
SpaghettiMagic
Messaggi: 77
Iscritto il: 28/09/2013, 1:49
Contatta:

20/05/2017, 19:00

Se posso permettermi penso il discorso sia molto semplice, di maghi ne esistono di ogni età non c'è dubbio, il fatto che su internet sembra ci siano solo maghi giovani è dato dal fatto che, la maggior parte dei maghi oltre i 30/40 anni (ma anche meno) non hanno quella grinta (e quella dimestichezza con il mezzo tale) da mettersi li e fare video con costanza, e gli algoritmi che portano alla luce i video valorizzano quello.
Inoltre come è da sempre i ragazzini hanno 300 passioni, ed è giusto che sia così, e dato che dire: "Faccio il mago! ;D" non costa nulla e fa molto figo... ci vuol poco a far sembrare ci siano un milione di maghi di 15 anni, soprattutto nell'era in cui ogni cosa che facciamo la pubblichiamo online. Sempre se posso permettermi mi prendo l'onore di citare il Wilson, prime righe del libro: "Molti trucçhi sono facili da imparare [...] puoi diventare un "prestigiatore" la prima volta che provi un trucço, ma la carriera sarà breve se non procederai oltre questo punto." e lo dimostra il fatto che molti dopo qualche anno abbandonano totalmente, e ne ho visti passare tanti, ma per togliersi ogni dubbio basta fare un salto in un club di magia per accorgersi che i prestigiatori adulti e anche adultissimi :D esistono eccome.

Quindi per rispondere alla domanda secondo me è solo una questione di percezione, per quanto riguarda invece il fatto che ora la massa si concentri sull'effetto e non sulla tecnica... beh molto è marketing delle aziende, e molto è che la strada più comoda è sempre quella più gettonata a mio parere. In più oh... e tosta fare gli artisti... mica è roba per tutti, sai quanti amici ho elettricisti, informatici, ecc che sono bravissimi in scena ma non riescono a mantenersi e quindi lasciano perdere...

Per il discorso sulla guerrillia magic secondo me non è nulla di diverso dal close-up ai tavoli durante un matrimonio, gli effetti li scegli tu, e come li presenti dipende da te, non cambia dove ti stai esibendo, personalmente mi è capitato di lavorare per le strade di milano facendo guerrilla per un'azienda di desing e posso assicurarti che era molto figo il risultato. L'errore sta in quello che tu definisci "guerrilla magic" secondo me, si chiama semplicemente "magia fatta male" correggimi se sbaglio

in conclusione chiedo scusa per non aver ancora imparato a fare il quote dei vari messaggi, sara mia cura capire come fare :roll:

P.S.
Si K ho mega hackerato grazie a un tru**o il tuo bannatore di parole Trucço Trucço Trucço Trucço
:D :D :D :D :D
SpaghettiMagic
http://www.youtube.com/user/SpaghettiMagic

We live in a strage world where nothing is real but everything is possible.
Jean Xueref

Salvi83
Messaggi: 418
Iscritto il: 16/01/2017, 16:52

20/05/2017, 20:27

SpaghettiMagic ha scritto:
20/05/2017, 19:00
Se posso permettermi penso il discorso sia molto semplice, di maghi ne esistono di ogni età non c'è dubbio, il fatto che su internet sembra ci siano solo maghi giovani è dato dal fatto che, la maggior parte dei maghi oltre i 30/40 anni (ma anche meno) non hanno quella grinta (e quella dimestichezza con il mezzo tale) da mettersi li e fare video con costanza, e gli algoritmi che portano alla luce i video valorizzano quello.
Inoltre come è da sempre i ragazzini hanno 300 passioni, ed è giusto che sia così, e dato che dire: "Faccio il mago! ;D" non costa nulla e fa molto figo... ci vuol poco a far sembrare ci siano un milione di maghi di 15 anni, soprattutto nell'era in cui ogni cosa che facciamo la pubblichiamo online. Sempre se posso permettermi mi prendo l'onore di citare il Wilson, prime righe del libro: "Molti trucçhi sono facili da imparare [...] puoi diventare un "prestigiatore" la prima volta che provi un trucço, ma la carriera sarà breve se non procederai oltre questo punto." e lo dimostra il fatto che molti dopo qualche anno abbandonano totalmente, e ne ho visti passare tanti, ma per togliersi ogni dubbio basta fare un salto in un club di magia per accorgersi che i prestigiatori adulti e anche adultissimi :D esistono eccome.

Quindi per rispondere alla domanda secondo me è solo una questione di percezione, per quanto riguarda invece il fatto che ora la massa si concentri sull'effetto e non sulla tecnica... beh molto è marketing delle aziende, e molto è che la strada più comoda è sempre quella più gettonata a mio parere. In più oh... e tosta fare gli artisti... mica è roba per tutti, sai quanti amici ho elettricisti, informatici, ecc che sono bravissimi in scena ma non riescono a mantenersi e quindi lasciano perdere...

Per il discorso sulla guerrillia magic secondo me non è nulla di diverso dal close-up ai tavoli durante un matrimonio, gli effetti li scegli tu, e come li presenti dipende da te, non cambia dove ti stai esibendo, personalmente mi è capitato di lavorare per le strade di milano facendo guerrilla per un'azienda di desing e posso assicurarti che era molto figo il risultato. L'errore sta in quello che tu definisci "guerrilla magic" secondo me, si chiama semplicemente "magia fatta male" correggimi se sbaglio

in conclusione chiedo scusa per non aver ancora imparato a fare il quote dei vari messaggi, sara mia cura capire come fare :roll:

P.S.
Si K ho mega hackerato grazie a un tru**o il tuo bannatore di parole Trucço Trucço Trucço Trucço
:D :D :D :D :D
Quello che dici è tutto giusto, specialmente la parte relativa alla guerrilla magic. Non so quale sia la situazione reale in Italia, abitando all'estero parlo piú per percezione che per esperienza, ma mi sembra che ci siano ragazzi che vogliano tutto e subito: dopo due mesi di studio giá si sentono in obbligo di fermare gente per strada e fare magie. E questo è controproducente: per la magia che magari viene svilita con effetti mal eseguiti, per lo spettatore che vede un prodotto non adeguato e, soprattutto, per il prestigiatore stesso che si sentirá scoraggiato e avvilito.
Nel paese dove abito, la Norvegia, la magia è veramente poco seguita, per questo mi sorprende molto vedere tutti questi ragazzini scapigliarsi per la magia. Se anche solo un 10% di loro dovesse andare avanti, allora in futuro ne vedremo delle belle!

Ps: l'ho giá detto in un altri commento, ma voglio ripeterlo: come doppiatore sei bravissimo! Rispetto dei tempi, tonalitá, modulazione, espressivitá: le gestisci tutte molto bene! Complimenti!
-Francesco-

Avatar utente
Jack franzo
Moderatore
Messaggi: 1141
Iscritto il: 14/01/2016, 23:15
Località: Torino

21/05/2017, 14:17

Non so quanto c'entri con il discorso ma voglio fare una riflessione,anzi meglio raccontarvi una cosa personale...io sono un ragazzo, ( 16 anni) eppure faccio magie a pochissimi ragazzi della mia età..un motivo è che spesso li incontro in situazioni in cui la mia magia non si adatta ( o io non mi adatto) tipo scuola,bar o comunque in giro per strada..ma l`altro motivo è che molti non riescono ad afferrare bene la mia magia (o forse non riesco io a fargliela capire) perché comunque molti ragazzi cercano il "wow che figo" di un color change o semplicemente vogliono sapere il tru**o anche perché noi ragazzi abbiamo bisogno ogni tanto di sentirci superiori ai altri e di pensare di sapere tutto...
Mi trovo molto bene a fare magie ad adulti..credo di aver fatto più magia a persone più grandi di me che a coetanei, ma perché riescono a percepirla meglio e ad apprezzarla di più...
" un giorno senza un sorriso è un giorno perso " (Charlie Chaplin)

Avatar utente
SpaghettiMagic
Messaggi: 77
Iscritto il: 28/09/2013, 1:49
Contatta:

21/05/2017, 16:39

Jack franzo ha scritto:
21/05/2017, 14:17
io sono un ragazzo, ( 16 anni) eppure faccio magie a pochissimi ragazzi della mia età..un motivo è che spesso li incontro in situazioni in cui la mia magia non si adatta ( o io non mi adatto) tipo scuola,bar o comunque in giro per strada..ma l`altro motivo è che molti non riescono ad afferrare bene la mia magia (o forse non riesco io a fargliela capire) perché comunque molti ragazzi cercano il "wow che figo" di un color change o semplicemente vogliono sapere il tru**o anche perché noi ragazzi abbiamo bisogno ogni tanto di sentirci superiori ai altri e di pensare di sapere tutto...
Mi trovo molto bene a fare magie ad adulti..
Questo è normalissimo, gli adulti apprezzano e comprendono la magia molto meglio, mentre i giovani senza l'adeguata spiegazione spesso si concentrano solo sul tru**o. Inoltre come dici è molto più difficile fare magia a scuola, o comunque fuori da un contesto pacato, io ad esempio (a meno che non sia pagato) faccio magia una o due volte l'anno con le persone che conosco, in determinate situazioni, durante viaggi o altro, in primo luogo per non sminuire quello che faccio come lavoro, e secondariamente proprio perché sono rare le occasioni in cui si crea la giusta atmosfera, soprattutto con le amicizie più strette
SpaghettiMagic
http://www.youtube.com/user/SpaghettiMagic

We live in a strage world where nothing is real but everything is possible.
Jean Xueref

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite