"Viviamo in un mondo in cui abbiamo ucciso la meraviglia"

Considerazioni su effetti, eisibizioni e sull'arte magica in generale.
Rispondi
Avatar utente
The Matt
Moderatore
Messaggi: 1300
Iscritto il: 25/12/2014, 18:22
Località: Svizzera

05/01/2018, 12:33

Una bella intervista a Yann Frisch; purtroppo è in francese, spero che qualcuno qui lo capisca. Il discorso che Yann Frisch fa è che viviamo in un mondo in cui moltissime cose incredibili sono possibili grazie alla tecnologia. Lui fa l'esempio degli effetti di levitazione, che oggi ha perso il suo alone di mistero a causa dell'esistenza dei droni, ma ce ne sono tanti altri. Bella, bellissima discussione.



Yann Frisch è un esponente della Nouvelle Magie ("la Nuova Magia"), nata in seguito alla democratizzazione della magia. L'idea dietro al movimento è di creare della magia con delle motivazioni soggiacenti (rispetto alla magia tradizionale, in cui spesso si compiono degli atti senza motivazione, come nell'effetto classico della donna tagliata in due). Qui ovviamente non si parla delle motivazioni "magiche" di un effetto, ma proprio della motivazione nei confronti del pubblico di mostrare qualcosa. Un discorso interessante e che vale la pena di studiare.



E per finire propongo anche un momento ludico: vediamo come la meraviglia si crea soprattutto dalle cose semplici!

"Last night I shot an elephant in my pajamas, and how he got in my pajamas I'll never know" - Groucho Marx

bicyclesvengali
Messaggi: 558
Iscritto il: 25/09/2013, 17:44
Località: Padova

06/01/2018, 9:46

The Matt ha scritto:
05/01/2018, 12:33
Qui ovviamente non si parla delle motivazioni "magiche" di un effetto, ma proprio della motivazione nei confronti del pubblico di mostrare qualcosa.
Molto interessante questo come argomento, grazie Matt, sempre sul pezzo! :)

MarCobain81
Messaggi: 11
Iscritto il: 29/03/2017, 21:22

06/01/2018, 17:29

Buonasera.
A mio avviso, la meraviglia si è affievolita proprio perché la tecnologia ha compiuto passi da gigante. Ho un numero della rivista Focus del 97 (lo leggevo spesso da adolescente) in cui scrivevano che in poco più di 10 anni avremmo potuto disporre di dispositivi in grado di telefonare, fare foto, video, videochiamate e vedere la tv. Il tutto, quando le tastiere erano analogiche. Sembrava fantascienza. Sembrava magia.
Però, in un mondo tecnologico dove molte cose sono alla portata di tutti, lo spazio per meravigliarsi c'è ancora. Quando studio un effetto, quando vedo un mago all'opera, prima di tutto ammiro la creatività, la sua fantasia nel creare l'atmosfera giusta e coinvolgente. Mi piace ancora lasciarmi stupire e non cerco di capire morbosamente "come ha fatto?". Quando, talvolta, eseguo qualche gioco, mi soffermo sul dialogare con chi sto intrattenendo: cerco un approccio leggero, divertente ed empatico. Provo a stimolare la curiosità senza voler dimostrare di saper fare qualcosa di meraviglioso (sono un esordiente totale [semicit. Fantozzi], studio e pratico da un anno circa.
Il fatto è che secondo me è tutta una questione di tempo. Provo a spiegarmi con un esempio concreto.
Ad un conoscente parlo di un argomento che mi permetta di collegarmi ad un gioco cartomagico; la persona risponde e ci butto dentro qualche scherzo, dicendo che le carte possono dare la loro versione sull'argomento. Tarocchi? Naaa, carte da gioco qualsiasi (e le faccio saltar fuori chiedendo: vuoi una dimostrazione? - si crea curiosità).
Da quel momento in avanti è fondamentale la presentazione sotto forma di dialogo (ottimo elemento di distrazione). A effetto eseguito, far raggiungere il climax a chi osserva (il suo linguaggio del corpo è ora fondamentale: se guarda le carte con la voglia matta di capire se l'effetto è riuscito: bingo!).
Spesso si ottiene l'espressione di meraviglia desiderata (un sorriso). A volte c'è chi è scettico, altre ancora il diffidente. Non importa. A me basta quel o quei sorrisi.
Così nella magia, come nella musica e nell'arte in genere. Alcuni apprezzano, altri no.
Fortunatamente ci sono ancora artisti in giro a cui ispirarsi, con cui confrontarsi e cogliere il meglio che sanno offrire.

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti