Il "rumore" nella magia.

Considerazioni su effetti, eisibizioni e sull'arte magica in generale.
Rispondi
blitz
Messaggi: 37
Iscritto il: 22/05/2018, 6:18

01/06/2018, 12:57

Così, volevo rendervi partecipi di un pesiero che ha preso a ronzarmi in testa ultimamente.
Qualche giorno fa bighellonavo allegramente girando per casa, con il mazzo in una mano e una moneta impalmata (impalmaggio classico "Corso completo di Magia) nell'altra.
Ora, l'obbiettivo della giornata era riuscire a fare qualcosa con le carte mantenendo impalmata la moneta. Per caso - ma guarda un po' - incrocio la mia ragazza.
"Ti posso fare un gioco?", le dico. Lei sbuffa ma accetta. Io le sorrido e vado avanti. Le faccio il primo gioco con le carte che si trova sul "Corso completo di magia". Alla fine la sua carta era il 4 di denari e io ho in mano due euro: ho un idea!
Le faccio prendere la carta in mano, le dico qualcosa sui denari, ori, soldi, sulla crisi etc. e posteggio, passando la mano sopra alla carta, i due euro che fino ad allora, miracolosamente, ero riuscito a tenere impalmati. Lei mi guarda perplessa e mi fa: "se era fiori che facevi? e cuori?". Ma il punto non è questo per me. C'è stato qualcosa che mi ha fatto rabbrividire e che mi ha reso completamente indifferente alle perplessità della mia ragazza.E quel qualcosa era stato il suono, il rumore, della moneta che cade sulla carta. Nella mia testa la moneta appariva senza emettere alcun rumore. Quella sarebbe stata magia.
Comunque, quel suono, aveva completamente sgratolato ogni parvenza magica legata a quel gesto.
La mia domanda è questa: quanto è importante il suono di un gesto per voi? e non sto parlando della silenziosità del pass. Quant'è importante il suono per creare Magia?

Avatar utente
Vin Brillante
Messaggi: 310
Iscritto il: 15/01/2018, 18:56

01/06/2018, 17:39

Blitz ho quasi capito cosa intendi inoltrare....
É un pensierino un po' profondo ma,visto che le persone ricevono emozioni attraverso i sensi,anche il suono/udito fa la sua parte...
Di recente ho youtubbato un po' e ho visto al Magic Castle eseguire routine con delle basi musicali inserite proprio dall' artista....se non sbaglio è Kiko Pastur.
E ti posso confermare che è molto piacevole(a parer mio)sentire una "colonna sonora"che accompagna un effetto....
Ora ho parlato di "musica"...non so se te intendevi proprio quel tipo di rumore...
"Quello che l occhio vede e l orecchio sente,la mente crede..."

Simo
Messaggi: 333
Iscritto il: 06/08/2016, 12:39

01/06/2018, 19:17

blitz ha scritto:
01/06/2018, 12:57
Così, volevo rendervi partecipi di un pesiero che ha preso a ronzarmi in testa ultimamente.
Qualche giorno fa bighellonavo allegramente girando per casa, con il mazzo in una mano e una moneta impalmata (impalmaggio classico "Corso completo di Magia) nell'altra.
Ora, l'obbiettivo della giornata era riuscire a fare qualcosa con le carte mantenendo impalmata la moneta. Per caso - ma guarda un po' - incrocio la mia ragazza.
"Ti posso fare un gioco?", le dico. Lei sbuffa ma accetta. Io le sorrido e vado avanti. Le faccio il primo gioco con le carte che si trova sul "Corso completo di magia". Alla fine la sua carta era il 4 di denari e io ho in mano due euro: ho un idea!
Le faccio prendere la carta in mano, le dico qualcosa sui denari, ori, soldi, sulla crisi etc. e posteggio, passando la mano sopra alla carta, i due euro che fino ad allora, miracolosamente, ero riuscito a tenere impalmati. Lei mi guarda perplessa e mi fa: "se era fiori che facevi? e cuori?". Ma il punto non è questo per me. C'è stato qualcosa che mi ha fatto rabbrividire e che mi ha reso completamente indifferente alle perplessità della mia ragazza.E quel qualcosa era stato il suono, il rumore, della moneta che cade sulla carta. Nella mia testa la moneta appariva senza emettere alcun rumore. Quella sarebbe stata magia.
Comunque, quel suono, aveva completamente sgratolato ogni parvenza magica legata a quel gesto.
La mia domanda è questa: quanto è importante il suono di un gesto per voi? e non sto parlando della silenziosità del pass. Quant'è importante il suono per creare Magia?
Ti consiglio i 5 punti nella magia di tamariz, è un libro dove il maestro analizza tutti e 5 i sensi e spiega come usarli al meglio
"Le carte sono come degli esseri viventi, palpitanti e dovrebbero essere trattati come tali."
Dai Vernon

blitz
Messaggi: 37
Iscritto il: 22/05/2018, 6:18

01/06/2018, 20:00

Vin Brillante ha scritto:
01/06/2018, 17:39
Blitz ho quasi capito cosa intendi inoltrare....
É un pensierino un po' profondo ma,visto che le persone ricevono emozioni attraverso i sensi,anche il suono/udito fa la sua parte...
Di recente ho youtubbato un po' e ho visto al Magic Castle eseguire routine con delle basi musicali inserite proprio dall' artista....se non sbaglio è Kiko Pastur.
E ti posso confermare che è molto piacevole(a parer mio)sentire una "colonna sonora"che accompagna un effetto....
Ora ho parlato di "musica"...non so se te intendevi proprio quel tipo di rumore...

Più che musica, io intendo il suono di un gesto: lo strusciare delle carte, uno schiocco. E come questi suoni, o assenza di essi, possano creare atmosfera magica.

blitz
Messaggi: 37
Iscritto il: 22/05/2018, 6:18

01/06/2018, 20:02

Simo ha scritto:
01/06/2018, 19:17
blitz ha scritto:
01/06/2018, 12:57
Così, volevo rendervi partecipi di un pesiero che ha preso a ronzarmi in testa ultimamente.
Qualche giorno fa bighellonavo allegramente girando per casa, con il mazzo in una mano e una moneta impalmata (impalmaggio classico "Corso completo di Magia) nell'altra.
Ora, l'obbiettivo della giornata era riuscire a fare qualcosa con le carte mantenendo impalmata la moneta. Per caso - ma guarda un po' - incrocio la mia ragazza.
"Ti posso fare un gioco?", le dico. Lei sbuffa ma accetta. Io le sorrido e vado avanti. Le faccio il primo gioco con le carte che si trova sul "Corso completo di magia". Alla fine la sua carta era il 4 di denari e io ho in mano due euro: ho un idea!
Le faccio prendere la carta in mano, le dico qualcosa sui denari, ori, soldi, sulla crisi etc. e posteggio, passando la mano sopra alla carta, i due euro che fino ad allora, miracolosamente, ero riuscito a tenere impalmati. Lei mi guarda perplessa e mi fa: "se era fiori che facevi? e cuori?". Ma il punto non è questo per me. C'è stato qualcosa che mi ha fatto rabbrividire e che mi ha reso completamente indifferente alle perplessità della mia ragazza.E quel qualcosa era stato il suono, il rumore, della moneta che cade sulla carta. Nella mia testa la moneta appariva senza emettere alcun rumore. Quella sarebbe stata magia.
Comunque, quel suono, aveva completamente sgratolato ogni parvenza magica legata a quel gesto.
La mia domanda è questa: quanto è importante il suono di un gesto per voi? e non sto parlando della silenziosità del pass. Quant'è importante il suono per creare Magia?
Ti consiglio i 5 punti nella magia di tamariz, è un libro dove il maestro analizza tutti e 5 i sensi e spiega come usarli al meglio

Forse è un po' presto, per me, per leggere quel libro. Però grazie del consiglio, lo recupererò di sicuro.

Andrax
Messaggi: 14
Iscritto il: 30/05/2018, 17:55
Località: Roma

01/06/2018, 21:34

Io credo risieda tutto nell’equilibrio delle due componenti in quanto sia i suoni che il silenzio hanno i propri pregi e difetti nel creare l’atmosfera. Mi spiego meglio: il silenzio è sicuramente l’arma migliore per creare suspance e aspettativa nello spettatore ma di contro, nei momenti sbagliati, può mettere in risalto suoni (come quello della moneta che descrivevi o lo scorrere delle carte in alcune “tecniche”) che il prestigiatore vorrebbe mascherare e minimizzare. Il suono dall’altra parte è fondamentale nel creare atmosfera “magica”, basti pensare a suoni delle carte mescolate, allo scorrere delle stesse sul tappetino o al rumore delle mani e allle parole del prestigiatore durante la performance ma di contro possono essere stucchevoli per un certo tipo di pubblico magari insofferente alle troppe storie intessute intorno ad un gioco o come dicevo prima nello smascherare “tecniche”. In conclusione quindi reputo che sarebbe necessario trovare un giusto equilibrio individuando tempistiche e modi di bilanciare le due componenti.

Simo
Messaggi: 333
Iscritto il: 06/08/2016, 12:39

02/06/2018, 14:21

blitz ha scritto:
01/06/2018, 20:02
Simo ha scritto:
01/06/2018, 19:17
blitz ha scritto:
01/06/2018, 12:57
Così, volevo rendervi partecipi di un pesiero che ha preso a ronzarmi in testa ultimamente.
Qualche giorno fa bighellonavo allegramente girando per casa, con il mazzo in una mano e una moneta impalmata (impalmaggio classico "Corso completo di Magia) nell'altra.
Ora, l'obbiettivo della giornata era riuscire a fare qualcosa con le carte mantenendo impalmata la moneta. Per caso - ma guarda un po' - incrocio la mia ragazza.
"Ti posso fare un gioco?", le dico. Lei sbuffa ma accetta. Io le sorrido e vado avanti. Le faccio il primo gioco con le carte che si trova sul "Corso completo di magia". Alla fine la sua carta era il 4 di denari e io ho in mano due euro: ho un idea!
Le faccio prendere la carta in mano, le dico qualcosa sui denari, ori, soldi, sulla crisi etc. e posteggio, passando la mano sopra alla carta, i due euro che fino ad allora, miracolosamente, ero riuscito a tenere impalmati. Lei mi guarda perplessa e mi fa: "se era fiori che facevi? e cuori?". Ma il punto non è questo per me. C'è stato qualcosa che mi ha fatto rabbrividire e che mi ha reso completamente indifferente alle perplessità della mia ragazza.E quel qualcosa era stato il suono, il rumore, della moneta che cade sulla carta. Nella mia testa la moneta appariva senza emettere alcun rumore. Quella sarebbe stata magia.
Comunque, quel suono, aveva completamente sgratolato ogni parvenza magica legata a quel gesto.
La mia domanda è questa: quanto è importante il suono di un gesto per voi? e non sto parlando della silenziosità del pass. Quant'è importante il suono per creare Magia?
Ti consiglio i 5 punti nella magia di tamariz, è un libro dove il maestro analizza tutti e 5 i sensi e spiega come usarli al meglio

Forse è un po' presto, per me, per leggere quel libro. Però grazie del consiglio, lo recupererò di sicuro.
Mhhh non sono d’accordo, è un libro che va riletto negli anni, come dice anche tamariz nella prefazione, te lo consiglio perchè non è complicato alla strong magic e puó aiutarti a migliorare, poi quando sentirai il dovere di rileggerlo lo rileggerai, e fidati che ogni volta che lo rileggo scopro qualcosa di nuovo
"Le carte sono come degli esseri viventi, palpitanti e dovrebbero essere trattati come tali."
Dai Vernon

Avatar utente
Tubbadù
Messaggi: 789
Iscritto il: 28/04/2017, 17:37
Località: Torino, Mirafiori sud

02/06/2018, 20:46

Simo ha scritto:
02/06/2018, 14:21
blitz ha scritto:
01/06/2018, 20:02
Simo ha scritto:
01/06/2018, 19:17


Ti consiglio i 5 punti nella magia di tamariz, è un libro dove il maestro analizza tutti e 5 i sensi e spiega come usarli al meglio

Forse è un po' presto, per me, per leggere quel libro. Però grazie del consiglio, lo recupererò di sicuro.
Mhhh non sono d’accordo, è un libro che va riletto negli anni, come dice anche tamariz nella prefazione, te lo consiglio perchè non è complicato alla strong magic e puó aiutarti a migliorare, poi quando sentirai il dovere di rileggerlo lo rileggerai, e fidati che ogni volta che lo rileggo scopro qualcosa di nuovo
Quoto, io l'ho già letto 3 volte e ogni volta scopro cose nuove, che mi ero perso nelle letture precedenti... ;)
Ale

blitz
Messaggi: 37
Iscritto il: 22/05/2018, 6:18

02/06/2018, 21:05

E allora i "5 punti nella magia" sarà il prossimo (o prossimo ancora, perché l'ultimo libro recensito sul canale youtube di K52 mi incuriosisce troppo) che acquisterò. Grazie a tutti per le dritte - la dritta.

Simo
Messaggi: 333
Iscritto il: 06/08/2016, 12:39

02/06/2018, 21:56

Tubbadù ha scritto:
02/06/2018, 20:46
Simo ha scritto:
02/06/2018, 14:21
blitz ha scritto:
01/06/2018, 20:02



Forse è un po' presto, per me, per leggere quel libro. Però grazie del consiglio, lo recupererò di sicuro.
Mhhh non sono d’accordo, è un libro che va riletto negli anni, come dice anche tamariz nella prefazione, te lo consiglio perchè non è complicato alla strong magic e puó aiutarti a migliorare, poi quando sentirai il dovere di rileggerlo lo rileggerai, e fidati che ogni volta che lo rileggo scopro qualcosa di nuovo
Quoto, io l'ho già letto 3 volte e ogni volta scopro cose nuove, che mi ero perso nelle letture precedenti... ;)
Idemsono a quota 3 anche io e mi meraviglio ogni volta
"Le carte sono come degli esseri viventi, palpitanti e dovrebbero essere trattati come tali."
Dai Vernon

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 26 ospiti