Magia vs. Tecnologia

Considerazioni su effetti, eisibizioni e sull'arte magica in generale.
Rispondi
Gaber_Ricci
Messaggi: 74
Iscritto il: 17/02/2016, 23:31

09/11/2018, 21:32

Come da apposita richiesta del Grande Kappo (riferimenti qui, sul topic riguardo la nuova app di K52, Anynumber: http://www.klan52.com/viewtopic.php?f=19&t=14697) apro un nuovo argomento che riguarda non solo le app che produce il sito che ci ospita, ma anche tutte le altre app "magiche" e, in generale, tutta la magia che si fa con qualche diavoleria tecnologica (intendo, ovviamente, solo in quei casi in cui è EVIDENTE che il device sia coinvolto nell'effetto, e non in quelli in cui rimane "dietro le quinte" come parte del metodo, se pure ve ne sono).

Per entrare in argomento, vorrei riportare una frase, piuttosto nota, dello scrittore di fantascienza Arthur C. Clarke:
"Qualunque tecnologia sufficientemente avanzata è indistinguibile dalla magia".
Questa frase è vera; e questo è il problema: perché il nostro pubblico lo sa molto meglio di noi. Nella mia scarsa esperienza, ho potuto appurare che esiste una relazione quasi immediata tra la comparsa di uno smartphone sulla scena e quel sorrisetto compiaciuto dello spettatore supponente, che, lo vedi, sta pensando: "Aha, questa magia la sta facendo il silicio!".

Questo è il motivo per cui, nell'altro topic, chiedevo quanto segue:
"Che presentazioni usate per questo genere di app? Tipo come giustificate di star usando il telefono? O anche, che è assai più importante: come allontanate dalla mente degli spettatori l'idea (parecchio diffusa, ahimè) che "sta facendo tutto la tecnologia"?".
Giro ora queste domande a voi:-).
But she'd never met anyone quite like the Jack of Hearts (Bob Dylan)

sness1
MK Champion
Messaggi: 758
Iscritto il: 01/05/2016, 19:51
Località: Bergamo

10/11/2018, 1:17

Io credo che in realtà le persone possano pensare che "fa tutto l'app" come possono pensare "è tutta abilità manuale del mago" oppure "distrae e intanto fa cose".. quando però il gioco diventa inspiegabile anche con l abilità o altro allora la sensazione di magia aumenta e credo che uguale sia per una magia con un cellulare, se lo spettatore non capisce come possa essere possibile e non trova spiegazioni razionali di come l'app possa aver fatto allora si può provare stupore.
"Magia-Amor-Libertad-Humor-Magia y el resto es nada". Juan Tamariz

Gaber_Ricci
Messaggi: 74
Iscritto il: 17/02/2016, 23:31

10/11/2018, 12:16

sness1 ha scritto:
10/11/2018, 1:17
Io credo che in realtà le persone possano pensare che "fa tutto l'app" come possono pensare "è tutta abilità manuale del mago" oppure "distrae e intanto fa cose".. quando però il gioco diventa inspiegabile anche con l abilità o altro allora la sensazione di magia aumenta e credo che uguale sia per una magia con un cellulare, se lo spettatore non capisce come possa essere possibile e non trova spiegazioni razionali di come l'app possa aver fatto allora si può provare stupore.
Il problema, secondo me, è che lo spettatore sa che la tecnologia può fare molte cose, ma ignora come le fa. Qualcuno di noi (tolti gli informatici) sa come faccia Whatsapp a mandare messaggi? No, però sappiamo che può farlo. Allo stesso modo, secondo me lo spettatore puòpensare, senza eccessivi patemi: ok, ci sarà qualche diavoleria tecnologica che gli ha permesso di farlo accadere. Insomma, a mio modesto parere rischia di viverlo neppure come un rompicapo, ma come una specie di color change "molto visuale" (cit.): pensa "ah, interessante", e il secondo dopo se lo dimentica.
But she'd never met anyone quite like the Jack of Hearts (Bob Dylan)

IvanIencinella
Messaggi: 82
Iscritto il: 11/02/2015, 19:09
Località: Monza e brianza

12/11/2018, 21:26

ciao a tutti, vorrei dire la mia in merito alla discussione.

Io sono un ragazzo ormai datato e preferisco la magia più fisica, palpabile , ad esempio il classico gioco dei bussolotti o le palline di spugna tanto per fare un esempio, per quanto antichi possano essere mi affascinano ancora ma, ripeto sono ancora un ragazzo analogico .

Al contrario, do già per scontato ed infallibile, il risultato di una magia digitale , perciò non mi stupisce affatto, per quanto possa essere bella o presentata con i
dovuti modi .

Saprei già a priori che non fallirà...mi lascerebbe solo un piccolo dubbio su come ha fatto ma, non mi stupirebbe più di tanto perché so che tanto è una cosa tecnologica

In sostanza lo stesso effetto fatto dal vivo mi stupirebbe sicuramente molto ma molto di più.
Life is short...enjoy it

destino
Messaggi: 6
Iscritto il: 27/01/2017, 9:05

23/11/2018, 21:09

interessantissimo e pieno di spunti tutto l'argomento.
butto li alcune riflessioni al volo
1) verissimo la tecnologia ha preso per molti lo stesso significato di magia (quella con la M maiuscola però) cioè a dire "funziona ma non so perchè".. ma c'è un di piu'...però "mi fido" (quindi non c'è sorpresa ovvio funziona....perchè non dovrebbe...è tecnologia!)
salto ogni valutazione filomagica già ben nota e divulgata....su come abbiamo perso nella storia la emme maiuscola....
però ....
le strade per ridare "sorpresa" sono sicuramente molte e tutte da sperimentare io ne vedo due per ora:
1) utilizzo classico: .è "strumento"...(e perciò "sicuro"...cioè non bara) per esemplificare: se do ad una calcolatrice il compito di fare delle somme non le vado a controllare...(buon vecchio add a number...) ma chi fa la "previsione finale" del risultato è l'uomo...non la macchina...

2) utilizzo fantascentifico...... rendiamo "magicamente" lo strumento pensante..reattivo ...e ..incontrollabile....cioè rompiamo la sequenza logica secondo cui dovrebbe ragionevolmente funzionare lo strumento e a quel punto il risultato sarà "magico"....

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite