cinque punti nella magia-Juan Tamariz

Quali sono i testi che volete consigliare e perché? Volete info per sapere se acquistare o meno?
Avatar utente
Matt82
Messaggi: 2471
Iscritto il: 07/10/2013, 17:42
Località: Bergamo

20/06/2014, 19:15

"cinque punti nella magia" è un libro scritto dal grande prestigiatore spagnolo Juan Tamariz.
Il libro si divide in 5 capitoli ognuno dei quali si concentra su un diverso aspetto.
Nel primo capitolo Tamariz spiega come usare lo sguardo, le tecniche di espressione e i metodi per tenere alta l'attenzione del pubblico attraverso l'uso degli occhi. Viene presentato l'incrocio dello sguardo, una bellissima idea di misdirection che viene da un altro mostro della magia: Tony Slydini.
Il secondo punto è quello che riguarda la voce, con consigli su come utilizzarla a livello di volume, intonazione ecc..
Segue il terzo punto: le mani. In questo capitolo troviamo vari consigli su come esprimersi utilizzandole per comunicare.
Il quarto punto è dedicato ai piedi, quindi alla posizione da tenere quando si eseguono effetti in piedi.
Infine il quinto punto è dedicato alla posizione del corpo (e anche qui ci si ricollega a Slydini), molto importante nell'esecuzione di effetti al tavolo.
Segue una bibliografia su "la presentazione della magia" con moltissimi libri che sono dei punti di riferimento.
All'interno di ogni capitolo sono anche spiegati degli effetti, tecniche e forzature, che si ricollegano all'argomento del capitolo.
Sono effetti di grande impatto che permettono di applicare la teoria magica di Tamariz.
Un libro quindi non solo di pura teoria (che poi pure la teoria è una pratica), come potrebbe essere "strong magic" di Darwin Ortiz, ma un vero e proprio manuale pratico teorico di grande qualità.
Il libro è corredato di foto e disegni (nello stile di Juan Tamariz) che chiaramente aiutano nell'apprendimento.
La prefazione dell'edizione italiana è del grande Vanni Bossi.

Consiglio a tutti di leggerlo, anche solo per rendersi conto di cosa differenzia un "vero" mago, capace di creare la magia, da un semplice esecutore.
;)
Quid est veritas?

Avatar utente
GabriGrimm
Team Leader
Messaggi: 4050
Iscritto il: 15/10/2013, 7:59

21/06/2014, 8:06

Questa è l'utilità di un forum (serio)...appena riapre lo shop questo testo lo prendo di sicuro, spesso fanno gola molti effetti di illusionismo e si tende ad acquistarli per metterli nel proprio repertorio, MA viene trascurata la parte più importante e che fa da fondamento alla magia: la gestualità e l'espressività del corpo che rappresentano a parer mio un buon 60% delle caratteristiche del prestigiatore, dicesi "Le fondamenta".
Bella recensione, tnx Matt ;)
Qual è la cosa che ti piace di più nella tua città?
...i salti alti...

Avatar utente
Matt82
Messaggi: 2471
Iscritto il: 07/10/2013, 17:42
Località: Bergamo

21/06/2014, 10:08

Grazie a te!
A breve vedo di recensire qualche altro libro.
;)
Quid est veritas?

Avatar utente
S.W.Erdnase
Messaggi: 1177
Iscritto il: 29/09/2013, 21:35

01/10/2014, 22:01

Non ricordavo che questo libro fosse già stato recensito ma dato che l'avevo già fatta vi scrivo anche la mia recensione,sperando di non offendere nessuno.

La prima volta che lessi questo libro ne rimasi piuttosto deluso,piú che un vero e proprio libro sembra una raccolta di appunti. Con gli anni ho capito di averlo letto troppo presto.
Chi conosce Tamariz poi sa che i suoi disegni sono unici!
Nel libro,egli parla appunto dei "cinque punti della magia" che identifica in:
Gli occhi
La voce
Le mani
I piedi
Il corpo
Parlando degli occhi Tamariz introduce i "fili immaginari",con questa metafora egli riesce a spiegare in maniera piuttosto semplice alcuni concetti astratti altrimenti difficilissimi da esprimere e da capire.
Altro punto importantissimo é la voce,é indispensabile curare la propria voce,l'intonazione infatti permette di esprimere emozioni altrimenti impossibili da trasmettere.
Tamariz inoltre suggerisce anche alcuni utili esercizi per migliorare l'espressività.
Altro punto sono le mani,anch'esse possono e devono esprimere emozioni ed é importante dunque capire come utilizzarle nella maniera piú efficace possibile evitando errori che purtroppo spesso si commettono anche in maniera inconsapevole.
Al punto quattro si parla del modo corretto e piú elegante di stare in scena mentre al punto cinque si analizza l'intero linguaggio del corpo.
In aggiunta a ciò,in circa 100 pagine trovate diversi effetti relativamente semplici ma talmente ben costruiti che é difficile trovare di meglio.
Alla fine del libro poi trovate una interessante "bibliografia sulla presentazione magica".
Sicuramente un libro da leggere e da rileggere ma,come tutti i libri di Tamariz,và letto al momento giusto,non é un libro per principianti che,con tutta la buona volontà,difficilmente lo troveranno utile.
Misdirection is not something you do,it is something that is.

OldTheMagic
Messaggi: 221
Iscritto il: 12/09/2014, 14:45
Località: Moncalieri (TO)

01/10/2014, 22:12

Io sicuramente cercherò i "fondi" per prenderlo ahahahaha
Sezione Aurea ha scritto: ...chi fa girare le carte è un mago tanto quanto chi fa girare le penne è uno scrittore!

Avatar utente
matteov
Messaggi: 175
Iscritto il: 04/03/2014, 10:58

02/10/2014, 12:32

E cosa ne pensate del libro florence art l'arte nella magia? E' un po di più da principianti?
I dettagli fanno la perfezione e la perfezione non è un dettaglio.
-Leonardo da Vinci

Avatar utente
S.W.Erdnase
Messaggi: 1177
Iscritto il: 29/09/2013, 21:35

02/10/2014, 14:45

matteov ha scritto:E cosa ne pensate del libro florence art l'arte nella magia? E' un po di più da principianti?
Intendi questo?http://forum.klan52.com/viewtopic.php?f ... a7ad6f8a43
É un libro per quei principianti che vogliono diventare dei professionisti.
Misdirection is not something you do,it is something that is.

Avatar utente
Matt82
Messaggi: 2471
Iscritto il: 07/10/2013, 17:42
Località: Bergamo

02/10/2014, 20:38

S.W.Erdnase ha scritto:Non ricordavo che questo libro fosse già stato recensito ma dato che l'avevo già fatta vi scrivo anche la mia recensione,sperando di non offendere nessuno.
E invece mi sono stra-offeso!!!!!!!! :lol: :lol: :lol:

Per quanto riguarda la questione "utilità" per il principiante non saprei, io sono un principiante e l'ho trovato utile, sicuramente un libro che a differenza di quello che sembra è davvero pragmatico.
Poi dipende dalle aspettative che uno ha, è un libro molto particolare che forse alle prima lettura può sembrare che non dica granchè e nello stesso tempo incuriosire e fornire dei concetti che non si trovano nei libri classici in cui viene spiegato l'effetto e basta.
Io sinceramente non me la sentirei di sconsigliarlo ad un principiante, ci sono vari fattori da considerare. Ovviamente non come primo libro da acquistare, ma cominciare già da subito a familiarizzare con alcuni concetti così importanti di sicuro non fa male, per capirlo in modo profondo poi c'è tutto il tempo.
;)
Quid est veritas?

Avatar utente
=ET=
Messaggi: 1784
Iscritto il: 04/10/2013, 22:12
Località: RE

02/10/2014, 20:42

Questo è a mio modesto parere un libro da leggere a ripetizione ogni 4-5 anni, perché a seconda della esperienza che avrete troverete (e coglierete) più cose OGNI volta che lo leggerete, di pari passo con la vostra maturità "magica".

8-)
=ET=

"L'importante è crederci" (Mia Moglie)

.

Avatar utente
GabriGrimm
Team Leader
Messaggi: 4050
Iscritto il: 15/10/2013, 7:59

12/01/2015, 9:42

Inutile scrivere un'altra recensione, Matt ed Erdna hanno già detto tutto.
Aggiungo qualcosina in base alle sensazioni che ho avuto.
Premetto che per me Juan è un mostro sacro, potessi tenerlo sul comodino accanto al letto lo farei.
Questo testo apparentemente semplice e scontato è in realtà un libro d'oro, per tutte le categorie magiche, compresa la balloon art.
ET scrive una cosa giustissima, va riletto ogni qualvolta si capisce di aver fatto un salto di qualità nel nostro percorso magico, fin quando non diventa automatizzato nel nostro modo di muoversi ogni qualvolta facciamo magia...e non solo!,quello che dice può essere applicato tranquillamente nella vita reale.
Nonostante la sua brevità potremmo parlare di questo libro a lungo, ma credo che la cosa più giusta sia consigliare di leggerlo.
Gli effetti che descrive sono molto belli e sono un grande esercizio pratico.
Finito di leggerlo si ha una sensazione molto strana, difficile da descrivere.
Non va letto con ingordigia ma molto attentamente dando niente per scontato.
E' una lettura piacevole, e una volta terminato viene voglia di rileggerlo.
Qual è la cosa che ti piace di più nella tua città?
...i salti alti...

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti