Con cosa aprite.

Se stai iniziando con la magia, qui puoi porre qualunque domanda.
Avatar utente
Vin Brillante
Messaggi: 262
Iscritto il: 15/01/2018, 18:56

17/06/2018, 12:43

Buongiorno colleghi apprendisti(e non)
Oggi volevo chiedervi con che effetto aprite le vostre routine....
Sapendo già che a chi più chi meno gli tremano le mani come una Ducati, qual'è l effetto iniziale che eseguite per scaldarvi/scaldarli?
Ognuno di noi ha il suo cavallo di battaglia,che riesce a tranquillizzarlo e a non farlo"balbettare"...
A voi la parola....e buona sezione!
"Quello che l occhio vede e l orecchio sente,la mente crede..."

Iano
Messaggi: 157
Iscritto il: 12/03/2016, 21:57
Località: Padova (PD)

17/06/2018, 13:11

Premetto che non mi riferisco ad un gioco di apertura per una routine particolare, dato che, visti gli impegni universitari, per il momento la mia magia si limita a qualche effetto agli amici. Per rompere il ghiaccio personalmente solevo portare appresso un mazzo già pronto per il Chicago opener, usavo la variante con la DD per farlo diventare quasi automatico. Sto cercando di togliere l'abitudine per evitare di rimanere con la DD in cima al mazzo dopo l'effetto, molto scomoda da scaricare. Adesso opto spesso per un TNT (effetto automatico descritto nel primo light di Giobbi, se non ricordo male) o anche per un "misterioso numero 7" (CC1) che pur essendo molto semplice, se presentato bene ha un grande impatto sul pubblico, inoltre, richiede una piccola preparazione fattibile al momento. Poi dipende molto dalle situazioni, ci sono molto giochi automatici o semi-automatici che se accompagnati da una buona presentazione possono diventare piccoli miracoli, ti ho elencato quelli che io uso più spesso ma se sfogli il primo CC ne troverai molti utili allo scopo (Mi viene in mente anche "il tuo numero, la tua carta" ,veramente potente, o il "test couè"). Ripeto che non sono dei giochi di apertura per una routine ben strutturata, sono dei giochi per "scaldarsi", come dici tu. Spero di esserti stato utile :D

Avatar utente
Vin Brillante
Messaggi: 262
Iscritto il: 15/01/2018, 18:56

17/06/2018, 13:31

Iano ha scritto:
17/06/2018, 13:11
Premetto che non mi riferisco ad un gioco di apertura per una routine particolare, dato che, visti gli impegni universitari, per il momento la mia magia si limita a qualche effetto agli amici. Per rompere il ghiaccio personalmente solevo portare appresso un mazzo già pronto per il Chicago opener, usavo la variante con la DD per farlo diventare quasi automatico. Sto cercando di togliere l'abitudine per evitare di rimanere con la DD in cima al mazzo dopo l'effetto, molto scomoda da scaricare. Adesso opto spesso per un TNT (effetto automatico descritto nel primo light di Giobbi, se non ricordo male) o anche per un "misterioso numero 7" (CC1) che pur essendo molto semplice, se presentato bene ha un grande impatto sul pubblico, inoltre, richiede una piccola preparazione fattibile al momento. Poi dipende molto dalle situazioni, ci sono molto giochi automatici o semi-automatici che se accompagnati da una buona presentazione possono diventare piccoli miracoli, ti ho elencato quelli che io uso più spesso ma se sfogli il primo CC ne troverai molti utili allo scopo (Mi viene in mente anche "il tuo numero, la tua carta" ,veramente potente, o il "test couè"). Ripeto che non sono dei giochi di apertura per una routine ben strutturata, sono dei giochi per "scaldarsi", come dici tu. Spero di esserti stato utile :D
Esatto molto utile...
Praticamente identici a quelli che eseguo io.
Vedo che i "percorsi" di chi inizia si assomigliano.... ovviamente per le tecniche,e anche per gli effetti.
"Quello che l occhio vede e l orecchio sente,la mente crede..."

Clown807
Messaggi: 20
Iscritto il: 27/05/2018, 15:57

17/06/2018, 13:56

Personalmente tendo a iniziare con l’effetto “macchina della verità” spiegato nel CC1.
L’ho rivisitato nella presentazione in modo da renderlo un po’ più potente.. alla fine gli spettatori credono davvero che sia capace di capire se mentono 😉

A mio avviso è molto semplice, direi praticamente automatico ma di grande effetto. Non ultimo è un qualcosa di diverso che il pubblico “profano” non si aspetta: praticamente perfetto😉

K
Boss
Messaggi: 3848
Iscritto il: 02/09/2013, 16:09

17/06/2018, 18:45

Vin Brillante ha scritto:
17/06/2018, 13:31
Vedo che i "percorsi" di chi inizia si assomigliano.... ovviamente per le tecniche,e anche per gli effetti.

Questo si spiega grazie al lavoro di Giobbi. Oggi si tende ad iniziare dai CC e dai Light, infatti TNT è uno degli effetti più ricorrenti.
C'è differenza tra usare la Magia a favore di YouTube e usare YouTube a favore della Magia.

ANYCARD by K52

Avatar utente
Maqo_Viper
Messaggi: 52
Iscritto il: 01/06/2018, 15:34

18/06/2018, 15:45

Per l'apertura io amo utilizzare giochi "in stack". L'esibizione è agli inizi e, con un po' di fortuna, non è ancora saltato fuori lo spettatore puzzone che chiederà di mescolare il mazzo.

Per uscire dal mirabile solco "giobbiano" (i.e. "..ma la magia va oltre!") e lasciando perdere gli innumerevoli miracoli che si possono fare se il mazzo parte in SI Stebbins, vi butto lì due effetti:

"Play it straight" di John Bannon
https://www.youtube.com/watch?v=mM7KWX5OXqs (qui nella performance di Diego Allegri)

"Shufflebored" di Simon Aronson
https://www.youtube.com/watch?v=rL2QaTqU5BA (con Aronson in persona e una presentazione semplicemente meravigliosa)


Se invece siamo nella situazione "fammi un gioco", io amo "una gita nei vostri pensieri" (e siamo tornati al Giobbi light), "interstellar OTW" (credo sia di Liam Montier; un OTW che si fa senza preparare il mazzo) e "Impossible Divination" di Larry Jennings, che è un effetto potentissimo dal metodo diabolico. Io ho cambiato leggermente l'inizio, rubando a Diego Allegri una procedura (che lui usa per un effetto totalmente diverso) che elimina la possibilità di errori da parte degli spettatori.


Ciao


MV
"E questo ti serva di lezione: il Diavolo mai, mai, mai e poi mai gioca in modo onesto!" :twisted: :evil: :evil:
"Francamente" - risposi - "nemmeno io!" :lol: :lol:

Avatar utente
Vin Brillante
Messaggi: 262
Iscritto il: 15/01/2018, 18:56

18/06/2018, 17:51

Maqo_Viper ha scritto:
18/06/2018, 15:45
Per l'apertura io amo utilizzare giochi "in stack". L'esibizione è agli inizi e, con un po' di fortuna, non è ancora saltato fuori lo spettatore puzzone che chiederà di mescolare il mazzo.

Per uscire dal mirabile solco "giobbiano" (i.e. "..ma la magia va oltre!") e lasciando perdere gli innumerevoli miracoli che si possono fare se il mazzo parte in SI Stebbins, vi butto lì due effetti:

"Play it straight" di John Bannon
https://www.youtube.com/watch?v=mM7KWX5OXqs (qui nella performance di Diego Allegri)

"Shufflebored" di Simon Aronson
https://www.youtube.com/watch?v=rL2QaTqU5BA (con Aronson in persona e una presentazione semplicemente meravigliosa)


Se invece siamo nella situazione "fammi un gioco", io amo "una gita nei vostri pensieri" (e siamo tornati al Giobbi light), "interstellar OTW" (credo sia di Liam Montier; un OTW che si fa senza preparare il mazzo) e "Impossible Divination" di Larry Jennings, che è un effetto potentissimo dal metodo diabolico. Io ho cambiato leggermente l'inizio, rubando a Diego Allegri una procedura (che lui usa per un effetto totalmente diverso) che elimina la possibilità di errori da parte degli spettatori.


Ciao


MV
Cavolo ci sono degli effetti che non ho mai nemmeno sentito(ovvio).
Comunque per il mazzo in si Steb. cio pensato un bell po'...ma desisto ancora un po' di tempo prima di intraprenderlo...non so perché ma mi "dinsivolgliano"i mazzi in stack.
"Quello che l occhio vede e l orecchio sente,la mente crede..."

Avatar utente
Maqo_Viper
Messaggi: 52
Iscritto il: 01/06/2018, 15:34

19/06/2018, 10:33

Caro Vin,

la bellezza del mondo magico è che ci sono tonnellate di effetti, più in generale di idee, che sono tutte lì in attesa di essere studiate/personalizzate/messe in pratica. Grazie ad internet, è facilissimo accedere alle performance dei maestri. Oh, a me si è aperto un universo di possibilità, di libri da leggere e di conferenze da ascoltare. Da entusiasta della magia (da spettatore prima di tutto, poi anche da modestissimo amatore), soprattutto della magia delle carte, cerco di studiare qualsiasi cosa "magica" mi passi sotto il naso. Anche perché, se come me hai sempre più o meno lo stesso pubblico, sei spinto per forza a variare il repertorio. Ci sono effetti che non sarò mai (oppure chissà quando) in grado di presentare, tecniche che mi rendo conto essere superiori alle mie capacità, però le approfondisco lo stesso. Posso sempre dire di aver imparato la teoria :roll: :lol:

Gli effetti in "stack" - o con una anche piccola preordinazione - dovresti prenderli in considerazione, soprattutto come apertura. Alcuni sono potentissimi e non a caso figurano nel repertorio di innumerevoli professionisti. Ci sono molti semplici stratagemmi per "mescolare" il mazzo e mantenere tutto "in ordine". Lo "stack" all'inizio può scoraggiare perché va preparato, ma se vedi quali miracoli si possono eseguire con una minima preordinazione (peraltro ho visto dei professionisti farla praticamente in faccia agli spettatori), ti verrà spontaneo voler inserire nel tuo arsenale qualche effetto del genere.

Stesso discorso per il Si Stebbins, che poi è l'anticamera del mazzo memorizzato, il cui principio di base è estremamente semplice e consente di produrre una marea di stupefici. Altro buon sistema per aprire e ottimo antidoto contro le mani che tremano, visto che le mani in questo caso di usano assai poco. Te lo vorrai mica perdere?

Ciao

MV
"E questo ti serva di lezione: il Diavolo mai, mai, mai e poi mai gioca in modo onesto!" :twisted: :evil: :evil:
"Francamente" - risposi - "nemmeno io!" :lol: :lol:

Avatar utente
MarkB
Messaggi: 132
Iscritto il: 27/08/2017, 10:52
Località: Roma

20/06/2018, 7:39

Nonostante la mia natura ingegneristica, adoro tantissimo la psicologia: ho leggiucchiato qui e lì qualcosina ed ho studiato alcune cose per conto mio. Di conseguenza, l'effetto con cui apro solitamente ("mi fai un gioco?") è una "lettura del pensiero tramite analisi dei micromovimenti", o sue variazioni.

Questo mi permette di fare una presentazione basata su un campo in cui ho un minimo minimo minimo di conoscenza, infarcito da improvvisazioni più o meno surreali ("Sapete no, che il nostro modo di pensare influenza il modo in cui percepiamo le cose? Se ci fate caso, spesso, la nostra stessa realtà soggettiva influenza fortemente le nostre azioni ed i nostri comportamenti ... Ad esempio, tu hai una maglietta nera, che immagino sia un colore che non ti dispiaccia, altrimenti non l'avresti comprata... di conseguenza la probabilità che la tua carta sia di colore nero è decisamente più alta ... (etc.. etc...)")

Se vedo buona risposta dall'altra parte, proseguo poi con altri effetti, che abbandonano sempre più il campo "pseudo-reale" e vanno ad approdare nella magia.

("Bene, come hai potuto vedere, sono riuscito a capire che carta avevi leggendo i tuoi micromovimenti... Ma ora, farò di più! Invece di carpire il tuo pensiero attuale, capirò le tue azioni future! (e vai di predizione))

Etc.. etc.. :D

Tirando le somme ed analizzando me stesso nel tempo, comunque, credo che l'apertura migliore sia quella che ti permette di essere da subito nel personaggio che ti sei costruito per il tuo contesto magico :D

Più che un effetto, quindi, direi che la risposta alla tua domanda, per quel che mi riguarda, è: apro con l'effetto di cui ho costruito la presentazione migliore o che sento migliore in un dato momento :D

Avatar utente
Randalf
Messaggi: 196
Iscritto il: 20/04/2018, 17:28
Località: Veneto

21/06/2018, 14:18

Maqo_Viper ha scritto:
18/06/2018, 15:45

"Play it straight" di John Bannon
https://www.youtube.com/watch?v=mM7KWX5OXqs (qui nella performance di Diego Allegri)

"Shufflebored" di Simon Aronson
https://www.youtube.com/watch?v=rL2QaTqU5BA (con Aronson in persona e una presentazione semplicemente meravigliosa)


Se invece siamo nella situazione "fammi un gioco", io amo
"Una gita nei vostri pensieri" (e siamo tornati al Giobbi light),
"Interstellar OTW" (credo sia di Liam Montier; un OTW che si fa senza preparare il mazzo) e
"Impossible Divination" di Larry Jennings, che è un effetto potentissimo dal metodo diabolico. Io ho cambiato leggermente l'inizio, rubando a Diego Allegri una procedura (che lui usa per un effetto totalmente diverso) che elimina la possibilità di errori da parte degli spettatori.
Molto interessante lo spunto sui mazzi "stack"... ora visto che siamo proprio nella sezione beginner, puoi spiegare bene cosa intendi con mazzi stack e la differenza con quelli perordinati/memorizzati...? :oops:
Anche OTW, io per esempio non so che significhi :mrgreen:
E sarebbe bello se, come hai fatto x i primi 2 effetti, linkassi una descrizione o presentazione (o tutorial?) o da dove li hai presei, per gli altri, si si :D
E infine, la proceudra rubata ad allegri per migliorare la Divinatio... 8-) , incuriosisce un sacco!!! :shock: :o :shock:

Grazie mille per i tanti spunti MV!

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite