Fred Kaps

Storia, aneddoti... di ieri e di oggi.
Rispondi
Avatar utente
Koem
Messaggi: 177
Iscritto il: 05/09/2016, 12:56

30/08/2017, 22:07

Ecco a voi la mia seconda ricerca su un altro grande mago del passato, unico ad aver vinto tre volte il mondiale di magia.

Immagine


Fred Kaps (nome d'arte di Abraham Pieter Adrianus Bongers) nasce a Utrecht, l'8 giugno 1926 cittadina di medie dimensioni. Si interessò alla magia grazie al suo barbiere di fiducia, Piet Verschragen prestigiatore dilettante. Egli provava di solito i suoi giochi di fronte alla clientela della sua bottega. Tra di questi, quello che più mostrava interesse era il piccolo Abraham il quale ogni volta voleva sapere il segreto' dietro questi giochi. Il barbiere glieli svelava solo se il bambino si fosse fatto fare prima un taglio di capelli. Infatti ogni volta che Abraham usciva dalla bottega sapeva un gioco nuovo. Un curioso aneddoto riguarda proprio la frequentazione assidua di Abraham alla bottega del barbiere. Infatti piano a piano si interessò anche alla figlia del barbiere, infatti quando li fu posta la domanda da quest'ultimo se fosse interessato ai giochi o la figlia il giovane mago rispose 'entrambi'. Durante la scuola non era raro che la maestra conficasse i giochi e ciò provocava nel padre una sfiducia nella passione del figlio definendo che non "avrebbe mai guadagnato un tozzo di pane con questi giochetti".All'età di nove anni Abraham raccolse dei coupon e li inviò per ricevere una scatola di giochi di prestigio. Dopo aver finito la scuola superiore considerò l'idea di diventare un cuoco come suo fratello. Alcuni test rivelarono che aveva un talento naturale nel disegno. Il padre voleva iscriverlo a una scuola di disegno ad Amsterdam così che potesse lavorare come artista pubblicitario. Suo padre avrebbe fatto di testa propria se la Seconda Guerra Mondiale non fosse cominciata.
Non c'erano treni che andavano ad Amsterdam a suo tempo e quindi Abraham dovette rimanere a Rotterdam. Fu in quel periodo che il suo interesse per la magia crebbe.
Intanto prese il nomignolo di Valdini e si esibiva in feste private o da amici per poi cambiare il nome in Mystica (durante la militanza nell'esercito). Anche se ammirava le grandi illusioni preferiva di gran lunga quelle eseguite con gli oggetti di piccole dimensioni (l'odierno Close-Up). Finita la guerra partecipò ad una convetion/concorso magico ad Amsterdam sempre con il nome di Mystica. Non vinse ma fece una buona impressione sia sulla parentela che era più convinta della scelta lavorativa del figlio e della giuria. Intanto fu preso sotto l'ala di i Henk Vermeijden, proprietario di un atelier magico ad Amsterdam. Henk aveva allenato diversi campioni del mondo e divenne il manager e il maestro di Mystica. Nel 1950 Abraham aveva un nuovo numero, una continua produzione di bastoni da passeggio che aveva provato con Henk per circa un anno. Lo eseguì al convegno nazionale olandese e fu un gran successo. A impressionare tutti fu non solo la personalità che presto gli avrebbe fatto guadagnare fama internazionale, ma l'aspetto curato della routine e la brillante tecnica.
Perfezionato tale routine si presentò al FISM di Barcellona e bastarono 10 minuti per far vincere il primo premio al giovane. Intanto il suo mentore Hank pensò bene di far cambiare il nome in Fred Kaps, nome che in tutte le lingue sarebbe suonato bene prendendo spunto da un elenco telefonico Appena dopo i FISM sposa il suo primo amore Nelly.

Al secondo FISM (il precedente aveva deciso di saltarlo)erano presenti maghi molto più promettenti di quelli dell'edizione precedente(quella alla quale Kaps partecipò). Questo comportò in Kaps un turbamento che li fece credere di non poterne essere all'altezza. Tutti credevano che avrebbe riproposto il numero dei bastoni ma, sorprendendo tutti, Kaps produsse un coniglio dall'estremità del suo bastone. Successivamente fece una serie di manipolazioni con i foulard. Fece dei particolari cambi di colore ad una mano sola seguiti da un canarino che parlava al microfono. Inserì delle manipolazioni di carte da gioco in mezzo alle diverse parti della sua routine. Una delle manipolazioni consisteva nello stendere a nastro le carte sul suo braccio, rovesciarle con la stessa mano e poi raccoglierle senza che cadessero. Il finale della routine fu una versione del gioco di Roy Benson, Long Pour Salt. Infine si inchinò davanti al pubblico che applaudiva fragorosamente. Vinse il suo secondo Grand Prix.

Saltò un FISM come già fatto e partecipò ad un altro. Migliorò il gioco vincente del secondo FISM.Si iscrissero circa 560 maghi da trentatré paesi diversi, dei quali 120 parteciparono al Campionato del mondo d'Illusionismo.La competizione andò avanti per diversi giorni. Ci furono diverse parti noiose. Ma tra i vari spettacoli ripetitivi ce ne furono alcuni degni di nota. Tra cui il vincitore del terzo posto della scorsa edizione, Pierre Brahma e Fred Kaps.
Nella sua routine Brahma mostrava dei foulard vuoti e da essi faceva comparire dei gioielli, come finale produsse una cassa traboccante di gioielli.
La performance di Brahma fece salire ancora di più la tensione di Kaps. La sua routine iniziava con alcuni elementi delle sue vecchie routine: iniziò facendo scomparire un bastone da passeggio in un giornale, poi si mise a leggere il giornale, lo piegò e da esso produsse una candela accesa. Poi inserì degli elementi nuovi, non presenti nelle sue vecchie routine. Aveva predisposto una bottiglia di champagne in un secchio vicino a lui. Dalla bottiglia delle bollicine uscirono fuori scoppiettando. Kaps si allungò e riuscì a prenderne una. Procedette eseguendo delle manipolazioni con la bolla. Proseguì con il resto del suo spettacolo. Al posto delle carte da gioco Kaps manipolò delle banconote, producendone un'infinita quantità. Prese le banconote e le lanciò nel suo cappello a cilindro. La candela accessa lo tormentava continuamente sparendo e riapparendo. Per il finale Kaps produsse un grosso candelabro. Finito i giudici assegnarono il terzo FISM a Kaps. Si spegne nella sua cittadina Natale il 22/07/1980.


Ragazzi spero che apprezziate questa bio che non mi vergogno dire che ho preso spunti qua e la' dalla rete :D
Coloro che sognano di giorno sanno più cose di chi sogna solo di notte

Avatar utente
Tubbadù
Messaggi: 667
Iscritto il: 28/04/2017, 17:37
Località: Torino, Mirafiori sud

30/08/2017, 22:40

Koem ha scritto:
30/08/2017, 22:07
Ecco a voi la mia seconda ricerca su un altro grande mago del passato, unico ad aver vinto tre volte il mondiale di magia.

Immagine


Fred Kaps (nome d'arte di Abraham Pieter Adrianus Bongers) nasce a Utrecht, l'8 giugno 1926 cittadina di medie dimensioni. Si interessò alla magia grazie al suo barbiere di fiducia, Piet Verschragen prestigiatore dilettante. Egli provava di solito i suoi giochi di fronte alla clientela della sua bottega. Tra di questi, quello che più mostrava interesse era il piccolo Abraham il quale ogni volta voleva sapere il segreto' dietro questi giochi. Il barbiere glieli svelava solo se il bambino si fosse fatto fare prima un taglio di capelli. Infatti ogni volta che Abraham usciva dalla bottega sapeva un gioco nuovo. Un curioso aneddoto riguarda proprio la frequentazione assidua di Abraham alla bottega del barbiere. Infatti piano a piano si interessò anche alla figlia del barbiere, infatti quando li fu posta la domanda da quest'ultimo se fosse interessato ai giochi o la figlia il giovane mago rispose 'entrambi'. Durante la scuola non era raro che la maestra conficasse i giochi e ciò provocava nel padre una sfiducia nella passione del figlio definendo che non "avrebbe mai guadagnato un tozzo di pane con questi giochetti".All'età di nove anni Abraham raccolse dei coupon e li inviò per ricevere una scatola di giochi di prestigio. Dopo aver finito la scuola superiore considerò l'idea di diventare un cuoco come suo fratello. Alcuni test rivelarono che aveva un talento naturale nel disegno. Il padre voleva iscriverlo a una scuola di disegno ad Amsterdam così che potesse lavorare come artista pubblicitario. Suo padre avrebbe fatto di testa propria se la Seconda Guerra Mondiale non fosse cominciata.
Non c'erano treni che andavano ad Amsterdam a suo tempo e quindi Abraham dovette rimanere a Rotterdam. Fu in quel periodo che il suo interesse per la magia crebbe.
Intanto prese il nomignolo di Valdini e si esibiva in feste private o da amici per poi cambiare il nome in Mystica (durante la militanza nell'esercito). Anche se ammirava le grandi illusioni preferiva di gran lunga quelle eseguite con gli oggetti di piccole dimensioni (l'odierno Close-Up). Finita la guerra partecipò ad una convetion/concorso magico ad Amsterdam sempre con il nome di Mystica. Non vinse ma fece una buona impressione sia sulla parentela che era più convinta della scelta lavorativa del figlio e della giuria. Intanto fu preso sotto l'ala di i Henk Vermeijden, proprietario di un atelier magico ad Amsterdam. Henk aveva allenato diversi campioni del mondo e divenne il manager e il maestro di Mystica. Nel 1950 Abraham aveva un nuovo numero, una continua produzione di bastoni da passeggio che aveva provato con Henk per circa un anno. Lo eseguì al convegno nazionale olandese e fu un gran successo. A impressionare tutti fu non solo la personalità che presto gli avrebbe fatto guadagnare fama internazionale, ma l'aspetto curato della routine e la brillante tecnica.
Perfezionato tale routine si presentò al FISM di Barcellona e bastarono 10 minuti per far vincere il primo premio al giovane. Intanto il suo mentore Hank pensò bene di far cambiare il nome in Fred Kaps, nome che in tutte le lingue sarebbe suonato bene prendendo spunto da un elenco telefonico Appena dopo i FISM sposa il suo primo amore Nelly.

Al secondo FISM (il precedente aveva deciso di saltarlo)erano presenti maghi molto più promettenti di quelli dell'edizione precedente(quella alla quale Kaps partecipò). Questo comportò in Kaps un turbamento che li fece credere di non poterne essere all'altezza. Tutti credevano che avrebbe riproposto il numero dei bastoni ma, sorprendendo tutti, Kaps produsse un coniglio dall'estremità del suo bastone. Successivamente fece una serie di manipolazioni con i foulard. Fece dei particolari cambi di colore ad una mano sola seguiti da un canarino che parlava al microfono. Inserì delle manipolazioni di carte da gioco in mezzo alle diverse parti della sua routine. Una delle manipolazioni consisteva nello stendere a nastro le carte sul suo braccio, rovesciarle con la stessa mano e poi raccoglierle senza che cadessero. Il finale della routine fu una versione del gioco di Roy Benson, Long Pour Salt. Infine si inchinò davanti al pubblico che applaudiva fragorosamente. Vinse il suo secondo Grand Prix.

Saltò un FISM come già fatto e partecipò ad un altro. Migliorò il gioco vincente del secondo FISM.Si iscrissero circa 560 maghi da trentatré paesi diversi, dei quali 120 parteciparono al Campionato del mondo d'Illusionismo.La competizione andò avanti per diversi giorni. Ci furono diverse parti noiose. Ma tra i vari spettacoli ripetitivi ce ne furono alcuni degni di nota. Tra cui il vincitore del terzo posto della scorsa edizione, Pierre Brahma e Fred Kaps.
Nella sua routine Brahma mostrava dei foulard vuoti e da essi faceva comparire dei gioielli, come finale produsse una cassa traboccante di gioielli.
La performance di Brahma fece salire ancora di più la tensione di Kaps. La sua routine iniziava con alcuni elementi delle sue vecchie routine: iniziò facendo scomparire un bastone da passeggio in un giornale, poi si mise a leggere il giornale, lo piegò e da esso produsse una candela accesa. Poi inserì degli elementi nuovi, non presenti nelle sue vecchie routine. Aveva predisposto una bottiglia di champagne in un secchio vicino a lui. Dalla bottiglia delle bollicine uscirono fuori scoppiettando. Kaps si allungò e riuscì a prenderne una. Procedette eseguendo delle manipolazioni con la bolla. Proseguì con il resto del suo spettacolo. Al posto delle carte da gioco Kaps manipolò delle banconote, producendone un'infinita quantità. Prese le banconote e le lanciò nel suo cappello a cilindro. La candela accessa lo tormentava continuamente sparendo e riapparendo. Per il finale Kaps produsse un grosso candelabro. Finito i giudici assegnarono il terzo FISM a Kaps. Si spegne nella sua cittadina Natale il 22/07/1980.


Ragazzi spero che apprezziate questa bio che non mi vergogno dire che ho preso spunti qua e la' dalla rete :D
Stupenda biografia di un grande artista relativamente sconosciuto ai più!
Ale

Lam
Moderatore
Messaggi: 312
Iscritto il: 14/09/2016, 21:08

30/08/2017, 23:07

Koem ha scritto:
30/08/2017, 22:07
Ecco a voi la mia seconda ricerca su un altro grande mago del passato, unico ad aver vinto tre volte il mondiale di magia.

Immagine


Fred Kaps (nome d'arte di Abraham Pieter Adrianus Bongers) nasce a Utrecht, l'8 giugno 1926 cittadina di medie dimensioni. Si interessò alla magia grazie al suo barbiere di fiducia, Piet Verschragen prestigiatore dilettante. Egli provava di solito i suoi giochi di fronte alla clientela della sua bottega. Tra di questi, quello che più mostrava interesse era il piccolo Abraham il quale ogni volta voleva sapere il segreto' dietro questi giochi. Il barbiere glieli svelava solo se il bambino si fosse fatto fare prima un taglio di capelli. Infatti ogni volta che Abraham usciva dalla bottega sapeva un gioco nuovo. Un curioso aneddoto riguarda proprio la frequentazione assidua di Abraham alla bottega del barbiere. Infatti piano a piano si interessò anche alla figlia del barbiere, infatti quando li fu posta la domanda da quest'ultimo se fosse interessato ai giochi o la figlia il giovane mago rispose 'entrambi'. Durante la scuola non era raro che la maestra conficasse i giochi e ciò provocava nel padre una sfiducia nella passione del figlio definendo che non "avrebbe mai guadagnato un tozzo di pane con questi giochetti".All'età di nove anni Abraham raccolse dei coupon e li inviò per ricevere una scatola di giochi di prestigio. Dopo aver finito la scuola superiore considerò l'idea di diventare un cuoco come suo fratello. Alcuni test rivelarono che aveva un talento naturale nel disegno. Il padre voleva iscriverlo a una scuola di disegno ad Amsterdam così che potesse lavorare come artista pubblicitario. Suo padre avrebbe fatto di testa propria se la Seconda Guerra Mondiale non fosse cominciata.
Non c'erano treni che andavano ad Amsterdam a suo tempo e quindi Abraham dovette rimanere a Rotterdam. Fu in quel periodo che il suo interesse per la magia crebbe.
Intanto prese il nomignolo di Valdini e si esibiva in feste private o da amici per poi cambiare il nome in Mystica (durante la militanza nell'esercito). Anche se ammirava le grandi illusioni preferiva di gran lunga quelle eseguite con gli oggetti di piccole dimensioni (l'odierno Close-Up). Finita la guerra partecipò ad una convetion/concorso magico ad Amsterdam sempre con il nome di Mystica. Non vinse ma fece una buona impressione sia sulla parentela che era più convinta della scelta lavorativa del figlio e della giuria. Intanto fu preso sotto l'ala di i Henk Vermeijden, proprietario di un atelier magico ad Amsterdam. Henk aveva allenato diversi campioni del mondo e divenne il manager e il maestro di Mystica. Nel 1950 Abraham aveva un nuovo numero, una continua produzione di bastoni da passeggio che aveva provato con Henk per circa un anno. Lo eseguì al convegno nazionale olandese e fu un gran successo. A impressionare tutti fu non solo la personalità che presto gli avrebbe fatto guadagnare fama internazionale, ma l'aspetto curato della routine e la brillante tecnica.
Perfezionato tale routine si presentò al FISM di Barcellona e bastarono 10 minuti per far vincere il primo premio al giovane. Intanto il suo mentore Hank pensò bene di far cambiare il nome in Fred Kaps, nome che in tutte le lingue sarebbe suonato bene prendendo spunto da un elenco telefonico Appena dopo i FISM sposa il suo primo amore Nelly.

Al secondo FISM (il precedente aveva deciso di saltarlo)erano presenti maghi molto più promettenti di quelli dell'edizione precedente(quella alla quale Kaps partecipò). Questo comportò in Kaps un turbamento che li fece credere di non poterne essere all'altezza. Tutti credevano che avrebbe riproposto il numero dei bastoni ma, sorprendendo tutti, Kaps produsse un coniglio dall'estremità del suo bastone. Successivamente fece una serie di manipolazioni con i foulard. Fece dei particolari cambi di colore ad una mano sola seguiti da un canarino che parlava al microfono. Inserì delle manipolazioni di carte da gioco in mezzo alle diverse parti della sua routine. Una delle manipolazioni consisteva nello stendere a nastro le carte sul suo braccio, rovesciarle con la stessa mano e poi raccoglierle senza che cadessero. Il finale della routine fu una versione del gioco di Roy Benson, Long Pour Salt. Infine si inchinò davanti al pubblico che applaudiva fragorosamente. Vinse il suo secondo Grand Prix.

Saltò un FISM come già fatto e partecipò ad un altro. Migliorò il gioco vincente del secondo FISM.Si iscrissero circa 560 maghi da trentatré paesi diversi, dei quali 120 parteciparono al Campionato del mondo d'Illusionismo.La competizione andò avanti per diversi giorni. Ci furono diverse parti noiose. Ma tra i vari spettacoli ripetitivi ce ne furono alcuni degni di nota. Tra cui il vincitore del terzo posto della scorsa edizione, Pierre Brahma e Fred Kaps.
Nella sua routine Brahma mostrava dei foulard vuoti e da essi faceva comparire dei gioielli, come finale produsse una cassa traboccante di gioielli.
La performance di Brahma fece salire ancora di più la tensione di Kaps. La sua routine iniziava con alcuni elementi delle sue vecchie routine: iniziò facendo scomparire un bastone da passeggio in un giornale, poi si mise a leggere il giornale, lo piegò e da esso produsse una candela accesa. Poi inserì degli elementi nuovi, non presenti nelle sue vecchie routine. Aveva predisposto una bottiglia di champagne in un secchio vicino a lui. Dalla bottiglia delle bollicine uscirono fuori scoppiettando. Kaps si allungò e riuscì a prenderne una. Procedette eseguendo delle manipolazioni con la bolla. Proseguì con il resto del suo spettacolo. Al posto delle carte da gioco Kaps manipolò delle banconote, producendone un'infinita quantità. Prese le banconote e le lanciò nel suo cappello a cilindro. La candela accessa lo tormentava continuamente sparendo e riapparendo. Per il finale Kaps produsse un grosso candelabro. Finito i giudici assegnarono il terzo FISM a Kaps. Si spegne nella sua cittadina Natale il 22/07/1980.


Ragazzi spero che apprezziate questa bio che non mi vergogno dire che ho preso spunti qua e la' dalla rete :D
Ooooooh, ora vorrei solo che questa bio fosse cartacea per potermela sfogliare comodamente seduta in poltrona. Grande Koem! :D
Minute after minute, hour after hour.

Avatar utente
Ledgar
Messaggi: 107
Iscritto il: 18/04/2017, 17:28
Località: Roma

31/08/2017, 8:43

Grazie Koem.
Veramente bel lavoro. ;)
Corrado

Studiando i Card College... :geek:

Avatar utente
Koem
Messaggi: 177
Iscritto il: 05/09/2016, 12:56

01/09/2017, 21:20

Grazie mille ragazzi, contento che vi abbia interessato :D
Coloro che sognano di giorno sanno più cose di chi sogna solo di notte

sness1
MK Champion
Messaggi: 611
Iscritto il: 01/05/2016, 19:51
Località: Bergamo

05/09/2017, 11:33

Stupendo, grazie Koem :D
"Magia-Amor-Libertad-Humor-Magia y el resto es nada". Juan Tamariz

Simo
Messaggi: 251
Iscritto il: 06/08/2016, 12:39

05/09/2017, 12:29

Grazie mille koem per averla confivisa con noi, stupenda :D
"Le carte sono come degli esseri viventi, palpitanti e dovrebbero essere trattati come tali."
Dai Vernon

Avatar utente
Koem
Messaggi: 177
Iscritto il: 05/09/2016, 12:56

05/09/2017, 15:29

Grazie ragazzi gentilissimi come sempre :D
Coloro che sognano di giorno sanno più cose di chi sogna solo di notte

Avatar utente
The Matt
Moderatore
Messaggi: 1209
Iscritto il: 25/12/2014, 18:22
Località: Svizzera

06/09/2017, 7:57

Gran bel lavoro, Koem! Complimenti ;)
"Last night I shot an elephant in my pajamas, and how he got in my pajamas I'll never know" - Groucho Marx

Avatar utente
Koem
Messaggi: 177
Iscritto il: 05/09/2016, 12:56

07/09/2017, 14:41

The Matt ha scritto:
06/09/2017, 7:57
Gran bel lavoro, Koem! Complimenti ;)
Grazie mille Matt! :D
Coloro che sognano di giorno sanno più cose di chi sogna solo di notte

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite