Fregato dal bis!

Avatar utente
Vin Brillante
Messaggi: 213
Iscritto il: 15/01/2018, 18:56

03/03/2018, 23:13

Prestigiatori d italia (e non) quanti di voi sono stati pregati di fare il bis?
Io sono stato FREGATO dal bis: :oops:
Va be che sono cintura bianca ma con lo spettetore modello pappagallo attaccato alla spalla ma sgamato un plot....
Kosa kakkio fate in qusto caso?e poi..
Concedete mai il bis?
Qualche sensei e non , mi puo dire se ci sono delle "regole"da imporsi e imporre quando manifestiamo magia?grazie :cry:
"Quello che l occhio vede e l orecchio sente,la mente crede..."

Sergio Michelotto
Messaggi: 174
Iscritto il: 25/08/2017, 14:42
Località: Padova

04/03/2018, 13:29

Ti hanno chiesto il bis in che senso? Per rifare uno stesso effetto già fatto o mostrare qualcos'altro? Perché nel primo caso è un errore grossolano mostrare allo stesso pubblico un effetto eseguito nella stessa esibizione..nel secondo cAso devi solo continuare a fare pratica per migliorare tecnica e mis direction...comunque ci sta specie agli inizi farsi "beccare"😀
Pratica, pratica e ancora pratica!

Avatar utente
Vin Brillante
Messaggi: 213
Iscritto il: 15/01/2018, 18:56

04/03/2018, 19:18

Il bis me l hanno kiesto con lo stesso effetto....
Credo che non lo rifarò...
"Quello che l occhio vede e l orecchio sente,la mente crede..."

Pietro84
Messaggi: 29
Iscritto il: 14/12/2017, 16:57

04/03/2018, 20:10

Personalmente se mi chiedono il bis, non rifaccio mai lo stesso gioco, perchè far cadere il senso di stupore appena creato?
Poi si entra nel campo della sfida ("ok mago, mi hai fregato...rifammelo adesso, che scopro come hai fatto") e non si parla più di magia.
Tuttavia se insistono propongo un effetto simile, ma mai lo stesso.
Per esempio ho un gioco di mentalismo con le carte che lascia tutti un po' sorpresi, molto spesso mi dicono "Si ma io non avrei scelto quella carta come ha fatto X, fammelo a me". Io passo oltre con un altro gioco e a fine routine, se insistono ancora, tiro fuori il B'wave di Max Maven (me lo tengo sempre come bonus in caso ne vogliano ancora), che ha lo stesso identico principio. A volte se mi sfidano ed io accetto, con il B'wave lo spettatore supponente torna a cuccia :D

Sergio Michelotto
Messaggi: 174
Iscritto il: 25/08/2017, 14:42
Località: Padova

04/03/2018, 20:59

Come immaginavo...regola base: mai proporre lo stesso effetto due volte, MAI! ricorda che tu sei il mago e non devi dimostrate nulla quindi finita la tua performance se richiesto proponi qualcos'altro , già il fatto di mostrare qualcosa di apparentemente diverso ma con lo stesso principio lo ritengo al limite e pericoloso...semplicemente congedati augurando che i pochi o tanti che siano minuti di stupore vissuti siano stati di loro gradimento e la prossima volta si vedrà...perché tutto questo era pura e semplice magia!
Pratica, pratica e ancora pratica!

alexfed
Messaggi: 495
Iscritto il: 19/10/2014, 19:05

04/03/2018, 22:05

Quando mi chiedono di ripetere un gioco spiego semplicemente che lo stupore che hanno vissuto la prima volta non si può ripetere una seconda in quanto l'hanno appena visto.
"Le carte sono la poesia della magia." (Johann Nepomuk Hofzinser)

Avatar utente
MarkB
Messaggi: 110
Iscritto il: 27/08/2017, 10:52
Località: Roma

05/03/2018, 9:26

Di spettatori "curiosi" e di spettatori "rompiscatole" se ne incontrano a decine (di centinaia, di migliaia, di miliardi) purtroppo :D ... O per fortuna? Anche perché, se avessimo sempre un pubblico collaborativo e/o che si ferma allo stupore... A cosa ci servirebbe continuare a studiare e migliorare? :D Queste persone, spinte dalla loro indole di sfida, ci permettono di avere un motivo in più per allenarci al meglio :D

Fatta questa piccola premessa, per rispondere alle tue domande, ti dirò:

1) Si, mi sono capitati spettatori curiosi e o che chiedevano il bis. Me ne è capitato addirittura uno che, mentre facevo un gioco semplice semplice con delle palline di spugna, è arrivato a prendermi la mano e ad aprirmela a forza, perché "da piccolo aveva visto un gioco con le spugne, aveva un dubbio e voleva toglierselo". Sinceramente in quel momento è successa una cosa strana: ci siamo invertiti i ruoli. Io ero davvero stupito e lui era soddisfatto :P

2) Tendenzialmente non concedo un bis dello stesso gioco, per i motivi che ti hanno già raccontato sopra: la prima volta lo spettatore non sa quello che accade e, quindi, segue quello che fai. Nel secondo caso, lo analizza (e diventa una specie di sfida, appunto). Quando mi chiedono un bis, di solito esordisco con un "Va bene, però... aspetta! Mi è venuta in mente un'altra cosa che voglio farti vedere (e cambio effetto)". Alle volte, semplicemente, si dimenticano della richiesta di bis e bon.

3) Se insistono e se il gioco lo permette ... Faccio il bis. E, per il gioco lo permette, intendo poter ottenere lo stesso effetto con tecniche completamente diverse. Ad esempio, lettura del pensiero dopo aver fatto "pescare" una carta -> Ma come hai fatto? Rifammelo! -> Ok, ma cambio modo in cui la carta viene scelta/trovata/letta nella mente dello spettatore (carta chiave, ad esempio), aggiungendoci magari una spiegazione "pseudoscientifica" per soddisfare la curiosità. ("Riesco a capire qual'è la carta perché, nel momento in cui ti ho detto "Rosso", hai inclinato leggermente la testa verso sinistra ... o racconti di questo tipo :D)

Ad ogni modo credo che alla fine e con l'esperienza, l'importante sia crearsi dei "paracadute" anche situazionali, oltre che relativi alle teniche o agli effetti :D

Avatar utente
Vin Brillante
Messaggi: 213
Iscritto il: 15/01/2018, 18:56

05/03/2018, 18:29

Grazie colleghi...imparata la lezione.
Sempre molto esaustivi!
"Quello che l occhio vede e l orecchio sente,la mente crede..."

Mauri
Messaggi: 123
Iscritto il: 11/01/2018, 22:31

05/03/2018, 18:43

Io lo faccio ai bambini .. e loro chiedono sempre il bis ;)
allora quello che faccio e fare un gioco simile che inizia allo stesso modo ma finisce in modo diverso
classico .. ci sono mille routine che iniziano con scegli una carta ..
Per i rompiscatole..
la miglior strategia e fargli fare un gioco dove loro sono i protagonosti..
per questa volta non sarò io il mago ma tu !!
e con qualche tecnica tipo spelling del suo nome .. la carta se la trova da solo
e poi gli dico .. come mai non mi aveva detto di essere davvero un mago .. e lo faccio applaudire :lol:

Solitamente funziona .. con i bambini
con in grandi.. se sono rompiscatole.. rompono le scatole e basta..
vedi mia cognata.. ho appena iniziato e lei: "a si ho capito.. ahi preso due carte "
e addio all'effetto :twisted:
in quel caso devi solo sperare nel divorzio :lol: :lol: :lol: :lol:
-----------------------------------------------------------------
Quando ero bambino mia madre mi chiese: cosa vuoi fare quando diventerai adulto? "Il Mago" risposi io
E lei mi disse: no, non puoi fare entrambe le cose :D

Lam
Moderatore
Messaggi: 585
Iscritto il: 14/09/2016, 21:08

11/03/2018, 12:01

Vin Brillante ha scritto:
03/03/2018, 23:13
Prestigiatori d italia (e non) quanti di voi sono stati pregati di fare il bis?
Io sono stato FREGATO dal bis: :oops:
Va be che sono cintura bianca ma con lo spettetore modello pappagallo attaccato alla spalla ma sgamato un plot....
Kosa kakkio fate in qusto caso?e poi..
Concedete mai il bis?
Qualche sensei e non , mi puo dire se ci sono delle "regole"da imporsi e imporre quando manifestiamo magia?grazie :cry:
Bhe forse più che fregato sei stato fortunato... Uno spettatore del genere può "sgamare" molto facilmente anche al primo round. Ho avuto una brutta esperienza di questo tipo intorno a Natale, quando avevo preparato qualcosa da far vedere alla famiglia riunita. Avevo come assistente un mio cugino che si era sempre comportato in maniera corretta ma quel giorno, istigato dal padre, iniziò a piegarmi le carte, a buttarle per terra e a rovinare veramente ogni tentativo. Ovviamente, in molti scoprirono quello che stavo facendo ( anche se il primo effetto miracolosamente riuscì). Dunque quando la situazione è così "tesa", quando non è un' esibizione ma una sfida, io ti consiglio di non cimentarti neppure la prima volta (e lo dico dopo quell' esperienza), perché alla fine resta tanto amaro in bocca. Se gli spettatori insistono proponi un effetto automatico in cui anche loro abbiano un ruolo, oppure racconta una semplice storia. In quel caso non avranno nulla da disturbare ma saranno solo intrattenuti ( a me piace molto "Jack goes to town").
Se invece la situazione parte bene e il bis ti viene chiesto per cercare di portarla sul piano della sfida, spiega che la magia è fatta per stupire, e che dunque "rifacendo le stesse cose" non creeresti più magia, perché mancherebbe del tutto la sorpresa. Tuttavia di solito quando mi esibisco per un pubblico di amici, ovvero quelli che più facilmente si prendono queste libertà, preferisco eseguire delle routine che già da sole includano un "bis". Ad esempio l' ishkabible sandwich, in cui ritrovi la carta per due volte, oppure un' ambiziosa, oppure il ritrovamento di due o tre carte scelte. In questo modo, dopo aver visto che sei in grado di farlo più di una volta nessuno avrà voglia di rivederlo ancora, sapendo che finirebbe per annoiarsi.
Infine ricorda che come diceva il buon Miguel Angel Gea in un' intervista :" I tru**hi che uso sono per il tuo divertimento, non per il mio" (citazione non letterale, ma legata al mio ricordo).
Spero che queste esperienze ti tornino utili ;)
Minute after minute, hour after hour.

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti