Magia automatica

ChanMagic
Messaggi: 68
Iscritto il: 27/11/2017, 14:56

08/06/2018, 7:36

Bisogna aver una sezione nuova sul forum.. Sposati,vecchi e aspiranti maghi

Avatar utente
Jaqk
Messaggi: 307
Iscritto il: 30/09/2013, 15:22
Località: Chivasso
Contatta:

08/06/2018, 11:13

ciao,bello il topic e vogliopartecipare IMHO!

Premetto che mi ci sono scervellato per tanto tempo ed in uno dei miei mille progetti ho fatto anche una piccola pubblicazione online gratuita con collaborazioni interessanti:
http://www.prestigiazione.it/dump/Magia ... 0_SWCT.pdf

Comunque, vediamo di rispondere un po' a tono ed in ordine....

La magia che interessa ai "giovini" è diversa da quella che piace agli "anziani". Ai giovani spesso piace più l'abilità, la tecnica, come il cardistry, mentre ai vecchi piacciono di più le cose coinvolgenti emotivamente, e diciamo più impegnative. non è una divisione netta, ma solo per dare un senso. io che sono vecchio (45 anni) preferisco una storia, un personaggio, un po' come Rene Lavand, Bill Malone, etc..., mentre una performance come Daortiz, si, mi stupisce, ma non mi coinvolge più di tanto se non alla fine pensare solamente "ma come ha fatto?".

Lo vedo con i ragazzi al mio circolo, ora provo anche con un approccio diverso. Gli faccio fare un gioco che gli piace e li riprendo con il telefonino. Poi rifaccio lo stesso gioco io e mi faccio di nuovo riprendere, e poi gli chiedo di vedere i due video, facendo un po' di domande tipo 1)ti piace come hai fatto il gioco? 2)quale versione preferisci? 3)cosa non ti piace delle due performaces? 4) cosa ti piace invece? e via discorrendo.

Stesso gioco, stesso effetto, stessa tecnica, spostando l'attenzione sulla presentazioni. Non più una telecronaca (taglio, prendi, mescolo, trovo), ma un incontro tra amici (ciao, come ti chiami, prima volta che sei qui? sai cosa sono le carte gemelle? si? lo spiego per chi non lo sa, etc....), solo anche questo per dare un'idea, aggiungendo un movimento delle spalle più curato, gestione dello sguardo (e pensate che ho gli occhi storti! Misdirection totale!), qualche battuta, etc...

Toccare o non toccare il mazzo? questo è il problema... deve essere toccato il giusto. un mazzo costantemente in mano è sospettoso, non toccato mai diventa anche in questo caso sospetto di qualche tru**o matematico. Ma la matematica può essere nascosta in qualche modo, e poi la cosa dipende sempre dal buon gusto. Il mazzo può non essere toccato dal mago, ma comunque ci deve essere allora un qualcosa che impedisca allo spettatore di capire il metodo a ritroso o semplicemente rifacendo gli stessi passi. Deve esserci insomma una qualche cosa di impossibilità.

Scusate se scrivo come un flusso di coscienza, ma ho solo poco tempo al lavoro!!!

Per chiudere, sono importanti le "ore di volo", cioè quanto e quante volte vi esibite, e soprattutto come gestite i fallimenti. La mia magia è interagire con il pubblico, spiegargli il motivo di questa passione, e sono un amatore. Quindi, quando sbaglio, faccio una bella risata e vado avanti, senza paura di sbagliare.

Spero si capisca qualcosa! ciao!

Ah! stavo dimenticando! Ricordatevi sempre dei sette veli del mistero di Tamariz! https://www.youtube.com/watch?v=DIaYggFRnYg
Andrea Clemente Pancotti
"If I could climax as many times as a Derek Dingle routine I would be a happy man!" Dai Vernon
Prestigiazione.it ♠️ Web ♥️ Facebook ♣️ Youtube ♦️

Avatar utente
Vin Brillante
Messaggi: 292
Iscritto il: 15/01/2018, 18:56

08/06/2018, 12:07

Jaqk ha scritto:
08/06/2018, 11:13
ciao,bello il topic e vogliopartecipare IMHO!

Premetto che mi ci sono scervellato per tanto tempo ed in uno dei miei mille progetti ho fatto anche una piccola pubblicazione online gratuita con collaborazioni interessanti:
http://www.prestigiazione.it/dump/Magia ... 0_SWCT.pdf

Comunque, vediamo di rispondere un po' a tono ed in ordine....

La magia che interessa ai "giovini" è diversa da quella che piace agli "anziani". Ai giovani spesso piace più l'abilità, la tecnica, come il cardistry, mentre ai vecchi piacciono di più le cose coinvolgenti emotivamente, e diciamo più impegnative. non è una divisione netta, ma solo per dare un senso. io che sono vecchio (45 anni) preferisco una storia, un personaggio, un po' come Rene Lavand, Bill Malone, etc..., mentre una performance come Daortiz, si, mi stupisce, ma non mi coinvolge più di tanto se non alla fine pensare solamente "ma come ha fatto?".

Lo vedo con i ragazzi al mio circolo, ora provo anche con un approccio diverso. Gli faccio fare un gioco che gli piace e li riprendo con il telefonino. Poi rifaccio lo stesso gioco io e mi faccio di nuovo riprendere, e poi gli chiedo di vedere i due video, facendo un po' di domande tipo 1)ti piace come hai fatto il gioco? 2)quale versione preferisci? 3)cosa non ti piace delle due performaces? 4) cosa ti piace invece? e via discorrendo.

Stesso gioco, stesso effetto, stessa tecnica, spostando l'attenzione sulla presentazioni. Non più una telecronaca (taglio, prendi, mescolo, trovo), ma un incontro tra amici (ciao, come ti chiami, prima volta che sei qui? sai cosa sono le carte gemelle? si? lo spiego per chi non lo sa, etc....), solo anche questo per dare un'idea, aggiungendo un movimento delle spalle più curato, gestione dello sguardo (e pensate che ho gli occhi storti! Misdirection totale!), qualche battuta, etc...

Toccare o non toccare il mazzo? questo è il problema... deve essere toccato il giusto. un mazzo costantemente in mano è sospettoso, non toccato mai diventa anche in questo caso sospetto di qualche tru**o matematico. Ma la matematica può essere nascosta in qualche modo, e poi la cosa dipende sempre dal buon gusto. Il mazzo può non essere toccato dal mago, ma comunque ci deve essere allora un qualcosa che impedisca allo spettatore di capire il metodo a ritroso o semplicemente rifacendo gli stessi passi. Deve esserci insomma una qualche cosa di impossibilità.

Scusate se scrivo come un flusso di coscienza, ma ho solo poco tempo al lavoro!!!

Per chiudere, sono importanti le "ore di volo", cioè quanto e quante volte vi esibite, e soprattutto come gestite i fallimenti. La mia magia è interagire con il pubblico, spiegargli il motivo di questa passione, e sono un amatore. Quindi, quando sbaglio, faccio una bella risata e vado avanti, senza paura di sbagliare.

Spero si capisca qualcosa! ciao!

Ah! stavo dimenticando! Ricordatevi sempre dei sette veli del mistero di Tamariz! https://www.youtube.com/watch?v=DIaYggFRnYg
Magico Jaqk!
Colpito e affondato!
Esattamente quello che piace a me.
"Quello che l occhio vede e l orecchio sente,la mente crede..."

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite