Madison private reserve

Per vendere o scambiare il vostro materiale.
Rispondi
LivoIsMagic
Messaggi: 7
Iscritto il: 03/12/2015, 21:47

02/08/2018, 13:14

Salve a tutti,
Come si intuisce dal titolo ho un paio di mazzi di Madison private reserve ( mandati direttamente da lui dopo aver vinto un giveaway su Instagram ). Quanto potrebbe valere ?

Avatar utente
Sardosono
Messaggi: 251
Iscritto il: 18/03/2017, 0:28
Località: Cagliari
Contatta:

02/08/2018, 15:13

Se sono sigillate potresti arrivare a venderle a una cinquantina di euro ciascun mazzo, AL MASSIMO; il che vuol dire che, dopo che metti l'inserzione su ebay, devi aspettare che arrivi chi sta cercando proprio quelle carte e non le trova, cosa che potrebbe accadere dopo un mese o dopo un anno o non accadere affatto.

Colgo l'occasione per porgere alcune considerazioni sulle quali ritengo valga la pena soffermarsi.

In generale, il valore puramente collezionistico delle carte è del tutto aleatorio, perché è un collezionismo totalmente atipico in quanto esclusivamente compulsivo. E' vero che ogni genere di collezionismo è affetto da una qualche forma di compulsione, ma in questo caso vi è solo quella.

Se non ci avete mai riflettuto, vi suggerisco di farlo adesso, insieme a me, con un semplice esempio.

Consideriamo un collezionista di francobolli che spende dei soldi per comprare un determinato francobollo: in cambio dei soldi ottiene non soltanto il francobollo in sé, ma anche la possibilità di poterlo "guardare quando vuole". Ok, chi non è collezionista (come me) fa fatica a comprenderlo, ma con un po' di sforzo possiamo dire "contento lui contenti tutti". Ma se a quello stesso collezionista gli diciamo che il francobollo è contenuto all'interno di una busta sigillata e che deve conservarlo così, senza poter mai aprire la busta e quindi senza poterlo mai guardare, neanche una volta ogni tanto, ma che potrà guardare soltanto la busta, accontentandosi di "sapere" che contiene il francobollo, cosa crediamo che ci risponderebbe il collezionista di francobolli?... Beh, se come me non sopportate il turpiloquio, allora fareste bene a non provare neanche a chiederglielo...

Invece, il collezionista di mazzi di carte è una cosa del tutto diversa: egli non colleziona affatto le carte da gioco, ma colleziona "mazzi sigillati", la qual cosa è di fatto pura soddisfazione compulsiva fine a sé stessa. In altre parole, se il collezionismo in generale "può" comportare risvolti patologici, il caso particolare del collezionismo di mazzi di carte è patologico per natura, essendo legato unicamente alla sola "consapevolezza del possesso dell'oggetto". E non è una patologia di poco conto, in quanto questo "collezionista" accetta addirittura di deprivarsi, volontariamente e per sempre, anche della possibilità di poter "ammirare" la realtà effettiva di quanto da lui posseduto.

Dovrebbe essere quindi evidente che a fronte del collezionismo di mazzi di carte non esiste nessun reale "mercato" (come invece esiste per esempio nella filatelia), nel senso di un insieme di ragioni e meccanismi che producono una domanda; in realtà, esiste soltanto una "domanda" del tutto incostante e con caratteristiche sostanzialmente irrazionali.

IMO, manco a dirlo! ;)
Antonello

The real secret to magic lies in the performance - David Copperfield

Salvi83
Messaggi: 418
Iscritto il: 16/01/2017, 16:52

09/08/2018, 21:54

Sardosono ha scritto:
02/08/2018, 15:13
Se sono sigillate potresti arrivare a venderle a una cinquantina di euro ciascun mazzo, AL MASSIMO; il che vuol dire che, dopo che metti l'inserzione su ebay, devi aspettare che arrivi chi sta cercando proprio quelle carte e non le trova, cosa che potrebbe accadere dopo un mese o dopo un anno o non accadere affatto.

Colgo l'occasione per porgere alcune considerazioni sulle quali ritengo valga la pena soffermarsi.

In generale, il valore puramente collezionistico delle carte è del tutto aleatorio, perché è un collezionismo totalmente atipico in quanto esclusivamente compulsivo. E' vero che ogni genere di collezionismo è affetto da una qualche forma di compulsione, ma in questo caso vi è solo quella.

Se non ci avete mai riflettuto, vi suggerisco di farlo adesso, insieme a me, con un semplice esempio.

Consideriamo un collezionista di francobolli che spende dei soldi per comprare un determinato francobollo: in cambio dei soldi ottiene non soltanto il francobollo in sé, ma anche la possibilità di poterlo "guardare quando vuole". Ok, chi non è collezionista (come me) fa fatica a comprenderlo, ma con un po' di sforzo possiamo dire "contento lui contenti tutti". Ma se a quello stesso collezionista gli diciamo che il francobollo è contenuto all'interno di una busta sigillata e che deve conservarlo così, senza poter mai aprire la busta e quindi senza poterlo mai guardare, neanche una volta ogni tanto, ma che potrà guardare soltanto la busta, accontentandosi di "sapere" che contiene il francobollo, cosa crediamo che ci risponderebbe il collezionista di francobolli?... Beh, se come me non sopportate il turpiloquio, allora fareste bene a non provare neanche a chiederglielo...

Invece, il collezionista di mazzi di carte è una cosa del tutto diversa: egli non colleziona affatto le carte da gioco, ma colleziona "mazzi sigillati", la qual cosa è di fatto pura soddisfazione compulsiva fine a sé stessa. In altre parole, se il collezionismo in generale "può" comportare risvolti patologici, il caso particolare del collezionismo di mazzi di carte è patologico per natura, essendo legato unicamente alla sola "consapevolezza del possesso dell'oggetto". E non è una patologia di poco conto, in quanto questo "collezionista" accetta addirittura di deprivarsi, volontariamente e per sempre, anche della possibilità di poter "ammirare" la realtà effettiva di quanto da lui posseduto.

Dovrebbe essere quindi evidente che a fronte del collezionismo di mazzi di carte non esiste nessun reale "mercato" (come invece esiste per esempio nella filatelia), nel senso di un insieme di ragioni e meccanismi che producono una domanda; in realtà, esiste soltanto una "domanda" del tutto incostante e con caratteristiche sostanzialmente irrazionali.

IMO, manco a dirlo! ;)
Riflessione giustissima che non fa una grinza. Dico che anch’io, nel mio piccolo (piccolo inteso in termini di grandezza della collezione, non purtroppo d’età), posseggo alcuni mazzi che non ho mai aperto, ma non sono un collezionista di “mazzi sigillati”, li tengo semplicemente lì sapendo che, quando voglio, sono a mio disposizione. Diciamo che è più o meno come una bottiglia di buon vino per la quale si aspetta l’occasione giusta per stapparla, ma quel giorno arriverà, eccome se arriverà!
-Francesco-

Avatar utente
Sardosono
Messaggi: 251
Iscritto il: 18/03/2017, 0:28
Località: Cagliari
Contatta:

10/08/2018, 10:42

Ciao Francesco! Ma allora ci sei ancora?!.... 8-)
Salvi83 ha scritto: (...) Dico che anch’io, nel mio piccolo (piccolo inteso in termini di grandezza della collezione, non purtroppo d’età), posseggo ALCUNI mazzi che non ho mai aperto...
Esatto, Francesco, ALCUNI! E certamente io pure ne ho "alcuni" sigillati, in attesa che prima o poi io li apra, e così è per tanti altri pseudo-collezionisti come noi. ;)
Ma è proprio in quel "alcuni" che sta la differenza, una enorme differenza....
Antonello

The real secret to magic lies in the performance - David Copperfield

Avatar utente
Sardosono
Messaggi: 251
Iscritto il: 18/03/2017, 0:28
Località: Cagliari
Contatta:

10/08/2018, 10:43

Off-Topic :
@Salvi83
Sei sempre "scandinavizzato" oppure sei qui in vacanza estiva?

(mi sa che la mia è una ipotesi poco sensata, perché mi viene da pensare che chi vive da quelle parti torni in Italia se gli è possibile in inverno...)
Antonello

The real secret to magic lies in the performance - David Copperfield

Salvi83
Messaggi: 418
Iscritto il: 16/01/2017, 16:52

10/08/2018, 13:08

Sardosono ha scritto:
10/08/2018, 10:43
Off-Topic :
@Salvi83
Sei sempre "scandinavizzato" oppure sei qui in vacanza estiva?

(mi sa che la mia è una ipotesi poco sensata, perché mi viene da pensare che chi vive da quelle parti torni in Italia se gli è possibile in inverno...)
Ciao Antonello, sì ci sono sempre, anche se scrivo molto meno, sono in un periodo in cui mi diverto più ad essere spettatore che esecutore, perciò ho anche accantonato lo studio, comunque controllo spesso il forum.
Adesso sono in Norvegia, ma sono stato in Italia il mese scorso. Certo venire in inverno sarebbe la soluzione più logica, ma per un motivo o per l’altro non lo facciamo mai (comunque anche l’inverno scandinavo ha il suo fascino).
Sono contento tu sia tornato sul forum: si sentiva la tua mancanza!
-Francesco-

Gabriele_illusionist
Messaggi: 86
Iscritto il: 06/04/2018, 8:40
Località: treiso(cn)

27/08/2018, 14:12

ciao a quanto li vendi??
be natural yourself _ Dai Vernon

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti