Matematica o Prossemica?

Avatar utente
AndreaGPL
Messaggi: 18
Iscritto il: 08/01/2018, 16:46

07/08/2018, 14:33

Buongiorno a tutti!
Tempo fa vidi un'esibizione (non mi ricordo da parte di chi); venivano presi dal pubblico X persone alle quali veniva chiesto poi di pescare da un sacchetto oscurato un sasso a testa, solo loro potevano vedere il colore del proprio sasso, infatti tra tutti bianchi solo 1 o 2 erano neri.

Il mentalista poi ha dato la possibilità di scambiarsi i sassi tra loro, uno o più volte e poi ha fatto 10 domande a ciascuno dicendo che potevano rispondere SOLO con un SI o con un NO ma, che potevano mentire se lo desideravano. Subito dopo le 10 domande, indovinava il colore del sasso.

La mia domanda è, senza chiedere tutorial o spiegazioni ovviamente (ma se qualcuno volesse darmi qualche aiuto in privato gliene sarei grato :cry: ), è anche questo un gioco matematico oppure un lavoro di prossemica?

Grazie Mille!
Andrea

Gaber_Ricci
Messaggi: 74
Iscritto il: 17/02/2016, 23:31

08/08/2018, 18:20

Francamente, non conosco questo effetto e non l'ho nemmeno mai visto eseguire (e vorrei vederne un video, perché da come lo descrivi non mi sembra esattamente un effetto avvincente :) ); tuttavia, mi ricorda qualcosa che mi pare di aver letto in un libro di Martin Gardner (ma in questo momento non ho la mia biblioteca sotto mano): quindi, ti direi che sì, c'è sotto una grossa componente matematica o, per meglio dire, logica.
But she'd never met anyone quite like the Jack of Hearts (Bob Dylan)

Avatar utente
AndreaGPL
Messaggi: 18
Iscritto il: 08/01/2018, 16:46

09/08/2018, 13:31

Di per se inserito in uno spettacolo variegato a me era piaciuto. <del>Sto provando a cercare video ma è difficile non ricordo nemmeno il nome dell'esecutore.</del>

Quindi però prendendo in considerazione la componente matematica, immagino che tutti i giochi in cui vengono coinvolti degli spettatori e poste delle scelte, andando quindi ad esclusione, abbiano lo stesso principio, si tratta solo di contestualizzare l'effetto dandogli una storia (come un po' tutto poi) ma si può trovare questa formula o logica da qualche parte su qualche libro?

Mi viene in mente "Il sopravvissuto" dal libro MAGICAMENTE di Sean Taylor, ma in questo caso non c'erano buste con messaggi da leggere. :|

MODIFICATO: Aspetta aspetta, non mi ricordo che fosse di Msrco Berry, non mi sembra. Però ci assomiglia:

https://www.youtube.com/watch?v=bY8gExaWCbA

Avatar utente
kbmagician
Messaggi: 129
Iscritto il: 26/11/2015, 13:15
Contatta:

09/08/2018, 15:29

io questo gioco lo faccio simile con il Chess Guess di Chris Ramsay! e lo adoro!!! :D
se lo presenti bene anche per la gente è un bellissimo effetto!

Avatar utente
Sardosono
Messaggi: 251
Iscritto il: 18/03/2017, 0:28
Località: Cagliari
Contatta:

09/08/2018, 17:20

Sentite, il principio di questo gioco è letteralmente vecchio come il mondo, quindi credo se ne possa parlare liberamente, senza ovviamente rivelare esplicitamente la tecnica.

Quando c'è di mezzo l'estrazione di sassi da un sacchetto, allora non c'entra nulla né la matematica né la prossemica né quant'altro: si tratta molto semplicemente di controllare l'estrazione del sasso "differente", per sapere chi l'ha estratto (e perfino tentare di forzarlo a qualcuno in particolare).

Tutto il resto della presentazione è "gazzosa", nel senso che è del tutto irrilevante sul piano tecnico. Questo è proprio un esempio tipico di giochi fatti di "gazzosa" allo stato puro, o quasi, al 99% va'!!! 8-)
Sono probabilmente anche i giochi più divertenti per il performer, che può sbizzarrirsi e sfogarsi a recitare, senza preoccuparsi di nulla, perché il gioco è tecnicamente già finito fin dall'inizio!

Anche il far scambiare i sassi dopo l'estrazione è solo gazzosa, basta seguire gli scambi, la qual cosa è semplicissima e può essere ottenuta con certezza in molti modi.

La stessa identica dinamica può essere seguita usando gli oggetti più disparati, dalle carte (tutte rosse tranne una nera), fino ai calzini (si spera puliti!) tutti di uno stesso colore tranne uno spaiato (l'esecuzione con i calzini non è affatto da sottovalutare, specie se si sta improvvisando in casa di amici, basta avere a disposizione una busta di carta di buon spessore e abbastanza grande, di quelle tipiche di panetteria; se poi nella casa c'è un bimbo di pochi mesi, usare le calzette da neonato fa andare in brodo di giuggiole tutti i presenti!).

Le varianti che mettono in gioco la matematica possono essere quelle nelle quali lo spettatore non conosce il colore della propria pietra, ma magari conosce quello dei due spettatori che gli stanno ai lati e che ad ogni coppia di domande deve sempre rispondere o con due bugie o con due verità; insomma, cose simili. Ovviamente in questi casi il "sorteggio" è autentico, ossia fatto in modo tale da non poter essere controllato, altrimenti... ritorniamo alla gazzosa al 99%!

Di effetti simili basati VERAMENTE sulla prossemica non ne conosco neppure uno e nemmeno ne ho mai visto uno in vita mia: ancora oggi sto aspettando di vedere il primo, ma dubito che ciò mai accadrà, IMO...
Antonello

The real secret to magic lies in the performance - David Copperfield

Avatar utente
=ET=
Messaggi: 1784
Iscritto il: 04/10/2013, 22:12
Località: RE

30/08/2018, 21:21

L'effetto in questione è Kuruzuke di Max Maven. 8-)
=ET=

"L'importante è crederci" (Mia Moglie)

.

M&M
Messaggi: 19
Iscritto il: 03/10/2017, 21:26

31/08/2018, 14:09

Sardosono ha scritto:
09/08/2018, 17:20
fino ai calzini (si spera puliti!) tutti di uno stesso colore tranne uno spaiato (l'esecuzione con i calzini non è affatto da sottovalutare, specie se si sta improvvisando in casa di amici, basta avere a disposizione una busta di carta di buon spessore e abbastanza grande, di quelle tipiche di panetteria; se poi nella casa c'è un bimbo di pochi mesi, usare le calzette da neonato fa andare in brodo di giuggiole tutti i presenti!).
Ottimo spunto. Una volta io l'ho fatto con i bavaglini e confermo che gli spettatori sono talmente inteneriti dall'oggetto da non capire più nulla.
Quando l'ho fatto io nessuno si era accorto che tra 5 bavaglini solo uno presentava i laccetti leggermente logori: poichè avevo fatto dei rotolini con i bavaglini e poi avevo legato con i propri laccetti i rotolini per evitare che si scioglessero e si vedesse il disegno... mi è stato facile eseguire l'esperimento.

Avatar utente
Sardosono
Messaggi: 251
Iscritto il: 18/03/2017, 0:28
Località: Cagliari
Contatta:

31/08/2018, 17:12

M&M ha scritto:
31/08/2018, 14:09
Una volta io l'ho fatto con i bavaglini e confermo che gli spettatori sono talmente inteneriti dall'oggetto da non capire più nulla.
Quando l'ho fatto io nessuno si era accorto che tra 5 bavaglini solo uno presentava i laccetti leggermente logori: poichè avevo fatto dei rotolini con i bavaglini e poi avevo legato con i propri laccetti i rotolini per evitare che si scioglessero e si vedesse il disegno... mi è stato facile eseguire l'esperimento.
Ecco, questo è un "esempio esemplare" (il bisticcio è voluto!) ed eccellente di quel che si intende per "inventiva nell'improvvisazione"!!! Ritengo che ogni performer si esibisca principalmente per due sole ragioni (o almeno a me interessano solo queste due): per regalare qualche istante di "sana" meraviglia e per divertirsi egli stesso. Ebbene, questo genere di "improvvisazioni" (che a ben vedere non sono poi neanche così improvvisate, poiché l'ingegno non si improvvisa!) sono a mio avviso le più efficaci e soddisfacenti sotto entrambi questi aspetti. IMO! 8-)
Antonello

The real secret to magic lies in the performance - David Copperfield

Mauri
Messaggi: 167
Iscritto il: 11/01/2018, 22:31

08/09/2018, 1:27

Io faccio spesso con i bambini un gioco che si io chiamo Angelo o Diavolo, non mi ricordo il titolo originale
e comunue esistono molte varianti..
Sembra un gioco di mentalismo ma è tutta logica, e i bambini si divertono un sacco

Prendi due bambini e gli dici che devono recitare la parte dell'angioletto o del diavoletto
devono mettersi d'accordo tra di loro, uno può fare l'angelo e l'altro il diavolo, o anche tutte e due gli angeli o tutte due i diavoli, li lasci stare un po' da soli perchè decidano

quando si sono messi d'accordo, si spiega che l'angelo dice sempre la verità, mentre il diavolo dice sempre le bugie

farò tre domande, per tre volte la stessa domanda a ciascuno di voi
l'angelo mi risponderà con la verità, mentre il diavolo penserà alla risposta giusta e mi dirà esattamente il contrario

Ci sono quindi diverse varianti del gioco.. per esempio possiamo dare due oggetti diversi, ciscun bambino dovrà prenderne uno, e dovrà meterlo nella mano destra oppure in quella sinistra..
mettetevi d'accordo..
quando mi rigiro fatevi trovare entrambi con tutte e due le mani a pugno..in una ci sarà un oggetto

tre domande.. e indovino chi è l'angelo e chi il diavolo, chi ha un oggetto e chi l'altro, e in quale mano si trova..

Altro gioco simile..
i due bambini giocano a "carta, sasso, forbice" fin a che uno vince.. ricordatevi chi ha vinto e come ha vinto (ad es forbice vince carta)
tre domande e indovino tutto..

La tecnica è carina perchè si fa all'inizio una "domanda furba" che maschera il metodo..
la la cosa assurda è che mia figlia, aveva al tempo 5 anni .. me lo vede fare e decide di imitarmi..

come prima domanda chiede ai bambini .. il cielo è verde?
incredibile, lo ha risolto e aveva solo 5 anni !!

Ovviamente non è così che bisogna fare, sarebbe troppo ovvio .. ma lei era un cucciola e ci è riuscita
-----------------------------------------------------------------
Quando ero bambino mia madre mi chiese: cosa vuoi fare quando diventerai adulto? "Il Mago" risposi io
E lei mi disse: no, non puoi fare entrambe le cose :D

Avatar utente
Camillo Porrati
Messaggi: 68
Iscritto il: 06/09/2018, 20:19
Località: Ivrea (TO)

16/11/2018, 14:22

Non è che sai dove posso vedere il video della performance? Così posso capire meglio di che gioco si tratta! :)

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti