Curiosità

Se stai iniziando con la magia, qui puoi porre qualunque domanda.
Avatar utente
SirLancillotto
Messaggi: 18
Iscritto il: 06/12/2018, 15:30
Località: Roma
Contatta:

10/01/2019, 8:28

Ciao a tutti.

Premesso che sono ben lungi dall'esibirmi e che lo farò solo per amici e parenti, come già detto nella mia presentazione, ho però un dubbio.
Cerco di rimanere sul vago per non scendere troppo nei dettagli (credo sia "vietato" nel forum, almeno nella parte pubblica).
Parecchi "carto-effetti" (mi si passi il termine) richiedono una preparazione più o meno complessa, e a meno di non cambiare mazzo più volte non vedo molte alternative.
Questo cambio mazzo non risulta un po' strano allo spettatore?
Di solito come ci si organizza?

Grazie.

Avatar utente
MarkB
Messaggi: 240
Iscritto il: 27/08/2017, 10:52
Località: Roma

10/01/2019, 8:49

SirLancillotto ha scritto:
10/01/2019, 8:28
Ciao a tutti.

Premesso che sono ben lungi dall'esibirmi e che lo farò solo per amici e parenti, come già detto nella mia presentazione, ho però un dubbio.
Cerco di rimanere sul vago per non scendere troppo nei dettagli (credo sia "vietato" nel forum, almeno nella parte pubblica).
Parecchi "carto-effetti" (mi si passi il termine) richiedono una preparazione più o meno complessa, e a meno di non cambiare mazzo più volte non vedo molte alternative.
Questo cambio mazzo non risulta un po' strano allo spettatore?
Di solito come ci si organizza?

Grazie.
Cambio di mazzo? Quale cambio di mazzo? I maghi non cambiano mai mazzo, utilizzando una grandissima varietà di tecniche per farlo senza che lo spettatore se ne accorga minimamente! E non esiste nemmeno un libro del buon Giobbi che tratta quasi esclusivamente dell'argomento! (Ma sono quasi sicuro che non sia l'unico! :D)

Comunque si, quello che hai notato è corretto, ogni tanto c'è bisogno di rimaneggiare un po' di cose nell'ombra, ma il cambio di mazzo non è l'unico modo: ci sono alcuni effetti estremamente sinergici che ti permettono, a conclusione di uno, di avere il mazzo pronto per il successivo ;) e di farlo davanti a tutti (o, addirittura, lasciarlo fare allo spettatore!)

Avatar utente
SirLancillotto
Messaggi: 18
Iscritto il: 06/12/2018, 15:30
Località: Roma
Contatta:

10/01/2019, 8:54

MarkB ha scritto:
10/01/2019, 8:49
SirLancillotto ha scritto:
10/01/2019, 8:28
Ciao a tutti.

Premesso che sono ben lungi dall'esibirmi e che lo farò solo per amici e parenti, come già detto nella mia presentazione, ho però un dubbio.
Cerco di rimanere sul vago per non scendere troppo nei dettagli (credo sia "vietato" nel forum, almeno nella parte pubblica).
Parecchi "carto-effetti" (mi si passi il termine) richiedono una preparazione più o meno complessa, e a meno di non cambiare mazzo più volte non vedo molte alternative.
Questo cambio mazzo non risulta un po' strano allo spettatore?
Di solito come ci si organizza?

Grazie.
Cambio di mazzo? Quale cambio di mazzo? I maghi non cambiano mai mazzo, utilizzando una grandissima varietà di tecniche per farlo senza che lo spettatore se ne accorga minimamente! E non esiste nemmeno un libro del buon Giobbi che tratta quasi esclusivamente dell'argomento! (Ma sono quasi sicuro che non sia l'unico! :D)

Comunque si, quello che hai notato è corretto, ogni tanto c'è bisogno di rimaneggiare un po' di cose nell'ombra, ma il cambio di mazzo non è l'unico modo: ci sono alcuni effetti estremamente sinergici che ti permettono, a conclusione di uno, di avere il mazzo pronto per il successivo ;) e di farlo davanti a tutti (o, addirittura, lasciarlo fare allo spettatore!)
Diciamo che per preparazioni semplici credo sia sufficiente utilizzare anche una preparazione sotto il nastro (la conosco ma non so ancora farla :D )
Il libro di Giobbi si, hai ragione! NON mi è venuto in mente proprio ora :D

Avatar utente
MarkB
Messaggi: 240
Iscritto il: 27/08/2017, 10:52
Località: Roma

10/01/2019, 9:27

SirLancillotto ha scritto:
10/01/2019, 8:54
MarkB ha scritto:
10/01/2019, 8:49
SirLancillotto ha scritto:
10/01/2019, 8:28
Ciao a tutti.

Premesso che sono ben lungi dall'esibirmi e che lo farò solo per amici e parenti, come già detto nella mia presentazione, ho però un dubbio.
Cerco di rimanere sul vago per non scendere troppo nei dettagli (credo sia "vietato" nel forum, almeno nella parte pubblica).
Parecchi "carto-effetti" (mi si passi il termine) richiedono una preparazione più o meno complessa, e a meno di non cambiare mazzo più volte non vedo molte alternative.
Questo cambio mazzo non risulta un po' strano allo spettatore?
Di solito come ci si organizza?

Grazie.
Cambio di mazzo? Quale cambio di mazzo? I maghi non cambiano mai mazzo, utilizzando una grandissima varietà di tecniche per farlo senza che lo spettatore se ne accorga minimamente! E non esiste nemmeno un libro del buon Giobbi che tratta quasi esclusivamente dell'argomento! (Ma sono quasi sicuro che non sia l'unico! :D)

Comunque si, quello che hai notato è corretto, ogni tanto c'è bisogno di rimaneggiare un po' di cose nell'ombra, ma il cambio di mazzo non è l'unico modo: ci sono alcuni effetti estremamente sinergici che ti permettono, a conclusione di uno, di avere il mazzo pronto per il successivo ;) e di farlo davanti a tutti (o, addirittura, lasciarlo fare allo spettatore!)
Diciamo che per preparazioni semplici credo sia sufficiente utilizzare anche una preparazione sotto il nastro (la conosco ma non so ancora farla :D )
Il libro di Giobbi si, hai ragione! NON mi è venuto in mente proprio ora :D
Si, dipende molto dalla preparazione: se si tratta di posizionare una carta in un punto specifico, esistono tecniche apposite (come il controllo sotto il nastro, appunto); se però devi fare cose più complesse, ti puoi aiutare con lo scambio di mazzo e/o con routine concatenate.

Riguardo a quest'ultimo punto, se vuoi un esempio (e se non ricordo male), sul primo libro della serie Light di Giobbi (no, NON sono assolutamente un suo agente di vendite :D ) ci sono una serie di effetti raggruppati a blocchi di tre, ognuno del quale ti permette di utilizzare l'effetto precedente come trampolino o preparazione :D

Avatar utente
SirLancillotto
Messaggi: 18
Iscritto il: 06/12/2018, 15:30
Località: Roma
Contatta:

10/01/2019, 11:19

MarkB ha scritto:
10/01/2019, 9:27
Si, dipende molto dalla preparazione: se si tratta di posizionare una carta in un punto specifico, esistono tecniche apposite (come il controllo sotto il nastro, appunto); se però devi fare cose più complesse, ti puoi aiutare con lo scambio di mazzo e/o con routine concatenate.

Riguardo a quest'ultimo punto, se vuoi un esempio (e se non ricordo male), sul primo libro della serie Light di Giobbi (no, NON sono assolutamente un suo agente di vendite :D ) ci sono una serie di effetti raggruppati a blocchi di tre, ognuno del quale ti permette di utilizzare l'effetto precedente come trampolino o preparazione :D
Si, ho letto le recensioni dei Light di Giobbi ed è ottimo sapere che le routine siano create con effetti che preparino il mazzo per l'effetto seguente!
Penso che saranno il mio prossimo acquisto.
Intanto continuo a studiare.

Grazie!

MarcoLostSomething
Moderatore
Messaggi: 1283
Iscritto il: 29/04/2016, 10:50

10/01/2019, 13:12

puoi fare un set up del mazzo anche senza tecniche, usando la presentazione. Un'altra strategia e' concatenare gli effetti in modo che il finale di uno ti possa portare facilmente all'inizio del set up di un altro.
Ti faccio un esempio: se fai un gioco che ti porta ad aver segretamente separato le rosse dalle nere, puoi iniziare un out of this world

m3nte
Messaggi: 10
Iscritto il: 21/11/2018, 10:49

10/01/2019, 13:30

Dal mio punto di vista (principiante che ha fatto qualche tru**o ad amici e parenti come nel tuo caso :D ) con un buon controllo sotto il nastro risulta molto semplice preparare qualsiasi mazzo. O puoi semplicemente sfruttare momenti di "ombra" dove la concentrazione del pubblico non è tutta su di te ;)

Avatar utente
SirLancillotto
Messaggi: 18
Iscritto il: 06/12/2018, 15:30
Località: Roma
Contatta:

10/01/2019, 14:07

MarcoLostSomething ha scritto:
10/01/2019, 13:12
puoi fare un set up del mazzo anche senza tecniche, usando la presentazione. Un'altra strategia e' concatenare gli effetti in modo che il finale di uno ti possa portare facilmente all'inizio del set up di un altro.
Ti faccio un esempio: se fai un gioco che ti porta ad aver segretamente separato le rosse dalle nere, puoi iniziare un out of this world
In effetti stavo proprio cercando di capire come "legare" i giochi in modo che mi permettessero di avere una situazione più agevole nel preparare il mazzo per il gioco successivo.
In realtà, avendo iniziato da poco, non conosco tanti effetti, ampliando il bagaglio presumo di riuscire ad organizzare il tutto più facilmente.

Ovviamente per ora sto parlando di pura teoria!

Grazie.

Avatar utente
SirLancillotto
Messaggi: 18
Iscritto il: 06/12/2018, 15:30
Località: Roma
Contatta:

10/01/2019, 14:08

m3nte ha scritto:
10/01/2019, 13:30
Dal mio punto di vista (principiante che ha fatto qualche tru**o ad amici e parenti come nel tuo caso :D ) con un buon controllo sotto il nastro risulta molto semplice preparare qualsiasi mazzo. O puoi semplicemente sfruttare momenti di "ombra" dove la concentrazione del pubblico non è tutta su di te ;)
Si, per quel poco che ho fatto per pochi amici mi sono mosso così, ma temo che sia stata solo fortuna per ora :D

Pietro84
Messaggi: 65
Iscritto il: 14/12/2017, 16:57

11/01/2019, 18:07

MarkB ha scritto:
10/01/2019, 8:49
SirLancillotto ha scritto:
10/01/2019, 8:28
Ciao a tutti.

Premesso che sono ben lungi dall'esibirmi e che lo farò solo per amici e parenti, come già detto nella mia presentazione, ho però un dubbio.
Cerco di rimanere sul vago per non scendere troppo nei dettagli (credo sia "vietato" nel forum, almeno nella parte pubblica).
Parecchi "carto-effetti" (mi si passi il termine) richiedono una preparazione più o meno complessa, e a meno di non cambiare mazzo più volte non vedo molte alternative.
Questo cambio mazzo non risulta un po' strano allo spettatore?
Di solito come ci si organizza?

Grazie.
Cambio di mazzo? Quale cambio di mazzo? I maghi non cambiano mai mazzo, utilizzando una grandissima varietà di tecniche per farlo senza che lo spettatore se ne accorga minimamente! E non esiste nemmeno un libro del buon Giobbi che tratta quasi esclusivamente dell'argomento! (Ma sono quasi sicuro che non sia l'unico! :D)

Comunque si, quello che hai notato è corretto, ogni tanto c'è bisogno di rimaneggiare un po' di cose nell'ombra, ma il cambio di mazzo non è l'unico modo: ci sono alcuni effetti estremamente sinergici che ti permettono, a conclusione di uno, di avere il mazzo pronto per il successivo ;) e di farlo davanti a tutti (o, addirittura, lasciarlo fare allo spettatore!)
ehm mi permetto di dissentire :D https://florenceartedizioni.com/spettac ... mazzo.html

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti