Christopher Castellini

Rispondi
Barone Nero
Messaggi: 6
Iscritto il: 13/07/2019, 19:05

20/07/2019, 13:34

Buongiorno a tutti.
In un altro post scrivevo della differenza tra una grande tecnica ed un grande effetto, sottolineando che a mio modo di vedere le due cose non vanno necessariamente di pari passo, anzi.
D'altronde, lo stesso Corinda spesso rimarca come certi effetti che a priori potrebbero essere scartati a causa della banalità del t***o (lui non si faceva problemi a chiamarlo così), in realtà risultino di straordinaria potenza.
Questo è il caso: nel video qui sotto possiamo vedere all'opera Christopher Castellini, uno dei mentalisti che preferisco in assoluto, che contraddice peraltro ciò che io stesso affermavo altrove sulla poca autorevolezza di un mentalista, se giovane. Credo che lui sia sulla trentina, ma che classe, e che capacità di coinvolgimento.
La sua performance è meravigliosa.
Ogni cosa ha un suo senso preciso: l'uso delle parole, della musica; piccole misdirection verbali ad hoc, e in genere la capacità di creare la suggestione non di un effetto, ma di un racconto di cui l'effetto costituisce la catarsi finale, che mette i brividi a tutti.
E la tecnica dietro a questo capolavoro?
Banalissima, basilare quasi: si trova tra le prime pagine dei primi gradini di Corinda.
Questo è Mentalismo, chapeau.


https://m.facebook.com/watch/?v=1864258710571362&_rdr

Avatar utente
=ET=
Messaggi: 1824
Iscritto il: 04/10/2013, 22:12
Località: RE

21/07/2019, 21:52

Barone Nero ha scritto:
20/07/2019, 13:34
Buongiorno a tutti.
In un altro post scrivevo della differenza tra una grande tecnica ed un grande effetto, sottolineando che a mio modo di vedere le due cose non vanno necessariamente di pari passo, anzi.
D'altronde, lo stesso Corinda spesso rimarca come certi effetti che a priori potrebbero essere scartati a causa della banalità del t***o (lui non si faceva problemi a chiamarlo così), in realtà risultino di straordinaria potenza.
Questo è il caso: nel video qui sotto possiamo vedere all'opera Christopher Castellini, uno dei mentalisti che preferisco in assoluto, che contraddice peraltro ciò che io stesso affermavo altrove sulla poca autorevolezza di un mentalista, se giovane. Credo che lui sia sulla trentina, ma che classe, e che capacità di coinvolgimento.
La sua performance è meravigliosa.
Ogni cosa ha un suo senso preciso: l'uso delle parole, della musica; piccole misdirection verbali ad hoc, e in genere la capacità di creare la suggestione non di un effetto, ma di un racconto di cui l'effetto costituisce la catarsi finale, che mette i brividi a tutti.
E la tecnica dietro a questo capolavoro?
Banalissima, basilare quasi: si trova tra le prime pagine dei primi gradini di Corinda.
Questo è Mentalismo, chapeau.


https://m.facebook.com/watch/?v=1864258710571362&_rdr
Bello, ottima presentazione, facendo leva sui sentimenti e con una sola tecnica base e grazie ad una narrativa coinvolgente realizza una ottima presentazione.

PS: ha solo 25 anni...!
=ET=

"L'importante è crederci" (Mia Moglie)

.

Barone Nero
Messaggi: 6
Iscritto il: 13/07/2019, 19:05

22/07/2019, 14:36

Caspita! 25 anni, che talento assoluto.
Qui sotto linko la sua esibizione da Penn and Teller.
È importante che non li abbia 'fooled'? A mio avviso assolutamente no. Il mentalismo, come la magia, si fa per il pubblico, non per i maghi.
Un effetto che nasconde il proprio segreto anche agli occhi più esperti, non per questo diventa memorabile per il pubblico. Pubblico che infatti, in questo caso, è visibilmente coinvolto dalla performance.
Anche qui, a LAS Vegas, questo strabiliante venticinquenne (grazie ET) riesce a tessere un racconto suggestivo intorno a un classico del mentalismo, che molto di coloro che partecipano a questo forum potrebbero fare.
Ma -mi domando - altrettanto bene? Io no.


https://m.youtube.com/watch?v=Us6PPU_eGcA

Avatar utente
=ET=
Messaggi: 1824
Iscritto il: 04/10/2013, 22:12
Località: RE

23/07/2019, 17:19

Barone Nero ha scritto:
22/07/2019, 14:36
Caspita! 25 anni, che talento assoluto.
Qui sotto linko la sua esibizione da Penn and Teller.
È importante che non li abbia 'fooled'? A mio avviso assolutamente no. Il mentalismo, come la magia, si fa per il pubblico, non per i maghi.
Un effetto che nasconde il proprio segreto anche agli occhi più esperti, non per questo diventa memorabile per il pubblico. Pubblico che infatti, in questo caso, è visibilmente coinvolto dalla performance.
Anche qui, a LAS Vegas, questo strabiliante venticinquenne (grazie ET) riesce a tessere un racconto suggestivo intorno a un classico del mentalismo, che molto di coloro che partecipano a questo forum potrebbero fare.
Ma -mi domando - altrettanto bene? Io no.


https://m.youtube.com/watch?v=Us6PPU_eGcA
Prego.
A riguardo mi ricordo che avevo trovato un metodo che era un magician fooler, molto bello e ancor più subdolo ma per il pubblico un effetto con carta chiave veniva percepito uguale... mentre che i cartari sbiellavano! :lol:
Conta ciò che si riesce a trasmettere, il resto DEVE essere invisibile, undetectable e insospettabile! 8-)
=ET=

"L'importante è crederci" (Mia Moglie)

.

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti